A- A+
Esteri
Venezuela, nel paese affamato Maduro riapre casinò e sale bingo

Il Venezuela è alla fame ma Nicolas Maduro apre casino e sale bingo. Hugo Chávez, l’ex dittatore oltre dieci anni fa, aveva chiuso tutti i casinò e le sale bingo in Venezuela.

Una decisione che aveva creato 100000 disoccupati e tante cattedrali di cemento abbandonate.

Ora, Maduro ha deciso di riaprire 30 locali in tutto il paese.

In mezzo ad una crisi economica dalle dimensioni apocalittiche con le sanzioni internazionali che mordono da anni e il crollo delle entrate petrolifere ormai ipotecate fino ai prossimi vent’anni, il dittatore sta cercando qualsiasi opzione che possa dare una parvenza di normalità e soprattutto entrate fresche.

Chiaramente non vi è stata nessuna dichiarazione ufficiale ma una trentina di alberghi, 10 dei quali a Caracas, hanno ricevuto l’ok ad aprire. E i media hanno persino annunciato l'inaugurazione di una sala da gioco nell'esclusivo Hotel Humboldt nato negli anni '50 sotto la dittatura militare di Marcos Pérez Jiménez.

L'Hotel Humboldt in cima ad Ávila, la montagna di Caracas, alta più di 2.000 metri diventerà così a tutti gli effetti il primo casinò di stato. "All'Humboldt Hotel verrà aperto un casinò internazionale e tutti coloro che vogliono scommettere lo faranno con i  petros e tutte quelle risorse entreranno nello Stato per la salute, l'istruzione", ha detto Maduro a gennaio 2020. Il petros è la fantasiosa criptovaluta creata dal governo per far fronte alla svalutazione del bolivar.

Questo dei casinò riaperti rappresenta un cambiamento di rotta epocale rispetto a quando Hugo Chavez li definiva "covi di perdizione per la borghesia".

Il ribaltamento del provvedimento di Chávez, però, contrasta con l'attuale normativa in materia. Secondo la norma che regola le sale bingo e casinò è necessario un referendum consultivo per decidere le aperture. In ogni caso le regole costituzionali, nel paese gestito da Nicolas Maduro, sono decisamente flessibili.

Durante il veto dei casinò infatti l'attività clandestina non è cessata del tutto, con il Governo a occhi semichiusi.

Alcuni locali hanno continuato a operare e dallo scorso anno, in mezzo alla noia della pandemia, si sono scoperte  case da gioco illegali da poker a Caracas. Una di queste era nel quartiere 23 de Enero, roccaforte dei colectivos, i gruppi armati d'assalto fedeli al chavismo.

La stremata economia venezuelana è sostenuta da poche attività commerciali, servizi e un turismo asfittico.

Secondo alcuni osservatori l’economia dei casinò permetterà al governo di prendere nuove tasse ed occupare persone. E questo è sufficiente perchè Maduro sconfessi, senza remore, il suo padre politico Chavez.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    madurosale bingocasinohugo chavez
    in evidenza
    Diversity&Inclusion, l'impegno di FS Italiane per le pari opportunità

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Diversity&Inclusion, l'impegno di FS Italiane per le pari opportunità

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen ID.5 e ID.5 GTX, il SUV coupé 100% elettrico arriva in Italia

    Volkswagen ID.5 e ID.5 GTX, il SUV coupé 100% elettrico arriva in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.