A- A+
Green
Alluvione in Germania e Belgio: il Pnrr per fermare il cambiamento climatico

Alluvione in Germania e Belgio, i geologi: una tragedia che si verifica 34 anni dopo il disastro in Valtellina, fondamentale agire sulla prevenzione e combattere il cambiamento climatico attraverso il Pnrr

L’alluvione che ha messo in ginocchio la Germania, provocando oltre 100 morti e 1300 dispersi, si è verificata alla vigilia del 34esimo anniversario del disastro in Valtellina che provocò 53 vittime. Si aggrava anche in Belgio il bilancio delle vittime, in totale salgono a 108 le persone che hanno perso la vita a causa del maltempo in Europa. 

“Una tragedia immane, dovuta all’impatto dei cambiamenti climatici su territori urbanizzati senza un’adeguata pianificazione territoriale, che ci fa capire quanto sia necessario agire, anche a livello europeo, in termini di prevenzione, mitigazione ed adattamento” è il monito di Arcangelo Francesco Violo, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi.

Un cataclisma che si verifica nello stesso periodo che 34 anni fa sconvolse la Lombardia: il 17, 18 e 19 luglio del 1987 la Valtellina fu investita da un violentissimo nubifragio che, in un paio di giorni, riversò nei punti più colpiti della valle oltre 600 mm d'acqua, quasi un terzo di quella che nella stessa zona cade in media in un anno. Centinaia di frane si riversarono nei torrenti quasi contemporaneamente facendo saltare tutti gli equilibri idraulici dei corsi d'acqua nella valle. 

Per far fronte all'emergenza fu immediata l'attivazione della Protezione Civile e fu nominata una Commissione ad hoc composta dalle stesse persone che avevano operato durante la fase iniziale dell'emergenza.

“L'esperienza vissuta dalla Commissione, definita poi ‘Commissione Valtellina’, è stata straordinaria, sia per l'assoluta novità delle situazioni che si trovò a dover affrontare quotidianamente sia per la ricchezza delle esperienze umane maturate in quell’ambito molto difficile e di disperazione per la perdita di vite umane e per il confronto acceso che si manifestò in occasione della decisione da prendere a favore della tracimazione forzata o meno dell'accumulo d’acqua generato dalla frana” dichiara Rudi Ruggeri, consigliere del Consiglio Nazionale dei Geologi. “L’evento della Valtellina segnò un momento importante per la gestione dell’emergenza relativa al rischio geologico in Italia e la commissione Valtellina fece scuola su come gestire l’emergenza coniugando il sapere di varie specializzazioni tecniche. In tale contesto, si rese evidente l’importanza della figura del geologo nell’affrontare sia la fase di emergenza sia la successiva fase di progettazione delle azioni di rimedio. Questo anniversario ci consente di riflettere sul fatto che, ancora oggi, non è stato sviluppato un piano nazionale specifico focalizzato sugli effetti del cambiamento climatico in relazione agli aspetti geologici del territorio come, ad esempio, il dissesto e la stabilità dei versanti” conclude il geologo lombardo.

ALLUVIONE NELL’EUROPA CENTRALE: PER PROGETTARE IL FUTURO SARA’ DETERMINANTE IL FORUM MONDIALE DELL’ACQUA

Massimiliano Fazzini (climatologo Università di Chieti – Coordinatore del Team sul Rischio Sismico della Società Italiana di Geologia Ambientale): “Il “problema” non si legge nella particolare intensità e cumulata delle precipitazioni quanto nella risposta idrologica e morfologica del territorio interessato dai fenomeni”
 
Endro Martini (Pres. Italy Water Forum 2024): “Troppa acqua ma anche poca acqua. Ecco perché p necessario un Forum Mondiale sull’Acqua inclusivo”

L’Italia è nella short list delle candidature finaliste a sede del Decimo Forum Mondiale dell’Acqua con un chiaro progetto: “Facing a Global Change – Affrontare un cambiamento globale”.
 
“Le piogge intense e i temporali che nelle giornate del 14 e 15  hanno interessato vaste aree della Germania occidentale, parte dell’Olanda sud-orientale, la Vallonia belga ed il Lussemburgo settentrionale Belgio stanno causando “catastrofiche alluvioni” con un bilancio drammatico in termini di perdite di vite umane. Il Servizio meteorologico tedesco DWD, vista la complessità della fenomenologia atmosferica avvenuta e la grande mole di dati pluviometrici registrati anche a causa della notevole estensione dell’area colpita dall’evento atmosferico non ha al momento pubblicato alcun report meteoclimatologico al pari dei corrispondenti servizi meteorologici del Belgio, della Francia e dell’Olanda ma si è limitato ad affermare che ”la forte pioggia, caduta ininterrottamente ieri, ha provocato la piena di tutti i piccoli e medi corsi d’acqua dei Laender del Saarland, della Vestfalia e della Renania”.

Da questo messaggio si comprende molto chiaramente che “il problema” non si legge nella particolare intensità e cumulata delle precipitazioni quanto nella risposta idrologica e morfologica del territorio interessato dai fenomeni”. Lo ha affermato Massimiliano Fazzini, climatologo dell’Università di Chieti e Coordinatore del Team sul Rischio Climatico della Società Italiana di Geologia Ambientale.  

Commenti
    Tags:
    alluvionegermaniabelgiopnrrcambiamento climatico
    in evidenza
    Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

    Foto mozzafiato della soubrette

    Wanda Nara, perizoma e bikini
    Lady Icardi è la regina dell'estate

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

    Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.