A- A+
Green
Terra dei fuochi, "tumori legati ai rifiuti": la conferma dal report Iss

Terra dei fuochi, "tumori legati ai rifiuti": la conferma dal report Procura-Iss

Terra di fuochi, quella vasta area a cavallo tra le province di Napoli e Caserta, nota ai più come teatro di roghi, rifiuti tossici e speciali, torna al centro del dibattito pubblico con uno studio choc che segna una significativa svolta. 

Secondo l’ultimo report prodotto tra la Procura di Napoli Nord e l’Istituto Superiore di Sanità, alcune gravissime patologie, come il tumore al seno, l’asma, varie forme di leucemie e le malformazioni congenite, sono legate allo smaltimento illegale dei rifiuti. Dopo anni di battaglie, manifestazioni e servizi di inchiesta, i cittadini campani ricevono la risposta tanto attesa: la pratica tanto comune, che avvelena ininterrottamente la Terra dei fuochi dall’inizio degli anni Duemila, non è più solo un’ipotesi, ma un’evidenza scientifica. 

Esiste­–fa sapere il report, illustrato online dal procuratore Francesco Greco, dal presidente dell'Iss Silvio Brusaferro e dal procuratore generale di Napoli Luigi Riello– una relazione causale, o anche di concausa, tra l'insorgenza di queste gravi malattie e lo smaltimento illegale dei rifiuti.

Terra dei fuochi, il report nel dettaglio 

Il report realizzato grazie alla collaborazione tra la Procura e l’Iss ha visto protagonisti 38 comuni, suddivisi in quattro classi con fattori di rischio crescenti, dall’uno al quattro. Per quanto riguarda la mortalità e l'incidenza del tumore al seno si legge che è “significativamente maggiore tra le donne dei comuni inclusi nella terza e quarta fascia”. E anche “l'ospedalizzazione per asma” segue lo stesso andamento. Per le malformazioni, la concentrazione è maggiore nei comuni di livello 4. Per ultimo, il dato relativo all'incidenza delle leucemie e dei ricoverati per asma nella popolazione da 0 a 19 anni, aumenta “significativamente passando dai comuni della classe 1 a quelli della classe successiva, con il rischio maggiore nei comuni di classe quattro”.

Terra dei fuochi, Greco: "L'emergenza più importante dopo il Covid" 

Per il presidente dell’Iss Brusaferro "è necessario sviluppare un sistema di sorveglianza epidemiologica integrata con dati ambientali nell'intera Regione Campania e in particolare nelle province di Napoli e Caserta, così come nelle altre aree contaminate del nostro Paese, in modo da individuare appropriati interventi di sanità pubblica, a partire da azioni di bonifica ambientale".

Secondo il procuratore di Napoli Nord Greco proprio le bonifiche "devono partire immediatamente", per contrastare "l'emergenza più importante per Caserta e Napoli dopo il Covid".

Commenti
    Tags:
    terra dei fuochi tumori rifiuti conferma procuraterra dei fuochi conferma procura tumoriterra dei fuochi tumori rifiuti procuraterra dei fuochi napoli caserta
    Loading...
    in evidenza
    Ronaldo addio, CR7 in quota Psg Tonali-Milan: arriva la Juventus

    Calciomercato news

    Ronaldo addio, CR7 in quota Psg
    Tonali-Milan: arriva la Juventus

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

    Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.