A- A+
Innovazione
Covid, come cambia il mercato del lavoro nell'era digitale e dell'automazione

Il Covid-19 spinge la trasformazione digitale delle imprese e delle professioni. Il lavoro assume nuovi contorni e la sfida delle competenze si sposta sempre più su piani che giocano tra ambienti reali e virtuali. Entro il 2024, secondo le previsioni IDC, il 30% delle più importanti aziende mondiali farà affidamento su un ecosistema virtuale che consentirà loro di funzionare come un'organizzazione senza confini fisici e due terzi dei dipendenti si sposteranno da ruoli e processi statici e da una cultura gerarchica a team dinamici, multidisciplinari e riconfigurabili, centrati su obiettivi e risultati. Senza aspettare troppo, le previsioni parlano di trasformazioni importanti già in corso, che porteranno entro il 2021 un incremento del contributo offerto dai "digital coworker": +35%, molte attività saranno automatizzate e migliorate dalle tecnologie, tra cui soluzioni di AI, robotica, AR/VR e intelligent process automation.

La sfida per le aziende è legata alla trasformazione del proprio business model, chiamato ad abbandonare vecchi schemi e ad adottare soluzioni nuove, flessibili e integrate. Formazione e diversificazione delle competenze diventano, in questo scenario, le nuove necessità per i lavoratori.

Da parte delle aziende cresce la domanda di figure sempre più specializzate. È il caso, ad esempio, dei programmatori di grafica 3D real time, fino a poco fa figure professionali legate a doppio filo al mondo dei videogiochi e, oggi, vicine al mondo dell’industria. Secondo i dati della Commissione Europea, entro il 2020 in UE il valore totale della produzione dell'industria X-Reality dovrebbe raggiungere i 15-34 miliardi di euro e il numero di posti di lavoro diretti e indiretti affermarsi tra i 225mila e i 480mila.

“La pandemia -commenta Antonio Maria Zinno, amministratore delegato del Gruppo Mare- ha impresso una forte accelerazione nell’adozione di tecnologie innovative anche da parte delle pmi. È innegabile, infatti, che fosse già in atto una trasformazione del tessuto imprenditoriale, ma in questi pochi mesi le realtà più competitive hanno fatto un importante salto avanti. La trasformazione digitale del proprio business model ha consentito a startup e realtà produttive di dimensioni più piccole, rispetto ai grandi gruppi industriali, di accrescere i propri livelli di competitività in uno scenario complesso e, senza dubbio, scoraggiante. È stata una prova di maturità importante, che dota le aziende di strumenti fondamentali per la ripartenza”.

Il Gruppo Mare, nato a Pomigliano d’Arco e oggi presente in tutta Italia, sviluppa 18 milioni di euro di fatturato consolidato, conta 180 addetti e, grazie soprattutto alle innovazioni sviluppate dalla startup innovativa LinUp, si propone di affiancare le pmi nel percorso verso la trasformazione digitale. Una scelta fatta in anticipo sui tempi.  “Prima che si iniziasse a parlare di Industria 4.0, abbiamo capito che la vera sfida era consentire alle realtà più piccole di avvalersi di tecnologie e strumenti che rappresentavano quasi un’esclusiva delle grandi aziende”.  

Dall’ottimizzazione delle linee produttive attraverso l’uso di suite in linea con i principi della lean production alla X-Reality. “È la nuova frontiera per la formazione aziendale e non solo”, aggiunge Zinno. “L'esperienza maturata con realtà come Coca Cola e McKinsey ci ha fatto capire che anche per le pmi queste soluzioni possono tradursi in una riduzione dei costi e nell’ottimizzazione dei risultati”.

I numeri relativi alle ricerche di personale confermano che è in atto una trasformazione nel mondo del lavoro. Negli Usa, secondo i dati Epic Games e Burning Glass Technologies, la domanda di grafica 3D, tra ottobre 2017 e lo stesso mese del 2018, è cresciuta del 42% più velocemente rispetto al mercato complessivo. Quella di competenze 3D in tempo reale del 601%. 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    mercatolavorotecnologieinnovazione
    Loading...
    in evidenza
    Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

    Il rigoletto

    Smart working, soft skills
    Ripensare il lavoro post-Covid

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.