Roma, 13 gen. (Adnkronos/Labitalia) - Il Tar Lazio respinge la richiesta di ordinanza cautelare di sospensione del personale scolastico. Anief presenterà appello in Consiglio di Stato e ricorsi in diversi tribunali del lavoro avverso le sospensioni. Sono 6 mila gli insegnanti e gli amministrativi sospesi. "Tra le motivazioni infondate -si legge nella nota di Anief- anche la possibilità dei lavoratori non vaccinati di poter svolgere altro lavoro (dal 15 febbraio nessuno potrà lavorare), di poter lavorare in sicurezza a scuola (le classi non rispettano i criteri sul distanziamento negli spazi chiusi), il dovere di rispettare la volontà politica di svolgere le lezioni in presenza e le valutazioni di carattere medico-scientifiche rispetto alle opinioni personali (non esiste un obbligo vaccinale per la popolazione), di potersi comunque non vaccinare se fragili (quindi i non ricorrenti), di non poter invocare il rispetto della normativa europea sul principio di non discriminazione e sulla libertà di pensiero (che quindi sono riconosciuti) a fronte del bilanciamento dei diritti fondamentali sulla salute e istruzione pubblica (contro la gerarchia delle fonti)". Anief apre fin dai prossimi giorni la raccolta delle adesioni per appellare in Consiglio di Stato e annuncia la notifica dei primi ricorsi presso i tribunali del lavoro in attesa della pronuncia della Corte di giustizia europea sulla causa promossa dal tribunale di Padova per l'obbligo imposto già al personale sanitario. Marcello Pacifico, leader Anief, ritiene che ci siano “tutti i presupposti per far annullare dal Consiglio di Stato tale ordinanza che tutto dice tranne che in punto di diritto. Ad ogni modo, quell'Europa che oggi è stata ignorata si pronuncerà entro un anno su un obbligo vaccinale che non ha alcun fondamento giuridico nel nostro ordinamento euro-unitario. E a quel punto tutti i docenti sospesi che hanno inviato le nostre diffide potranno chiedere il risarcimento non soltanto dello stipendio non avuto, ma dei danni materiale e morali subiti”.

in evidenza
In gol Arturo Calabresi È il figlio del Biascica di Boris

Coppa Italia, Roma-Lecce

In gol Arturo Calabresi
È il figlio del Biascica di Boris

in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

motori
Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa

Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa

i più visti
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.