A- A+
Libri & Editori
"Il Manifesto del Socialismo" di Manuel Santoro arriva in libreria e in ebook

Su Amazon.it, Ibs.it, lafeltrinelli.it e nelle librerie Feltrinelli di tutta Italia arriva il manoscritto Il Manifesto del Socialismo di Manuel Santoro, cofondatore e ideologo, oggi segretario nazionale di Convergenza Socialista.

L'idea ispiratrice di questo Manifesto, spiega il comunicato, è da ricercare nella pressante necessità di ripensare noi stessi e le società moderne in cui viviamo. Il socialismo, inteso come alternativa strutturale al capitalismo, necessita di una rifondazione teorica e politica, da una parte, e una ricostruzione organizzativa, dall'altra, partendo dall'attualizzazione degli insegnamenti dei padri fondatori. In questo libro si cerca di rispondere a tali necessità. Questo Manifesto traccia un percorso teorico, politico ed organizzativo per riavviare una dialettica dimenticata che ci permetta di intravedere all'orizzonte una società diversa, finalmente libera, alternativa nella sua complessità, nei processi economici, sociali e comportamentali, rispetto agli effetti divisivi del capitalismo. Il Manifesto è di per se una guida, un modus operandi, che permetterà a donne e uomini contemporanei ed ai posteri, di lavorare per un mondo migliore e assolutamente diverso.

Pochi anni addietro abbiamo avviato il percorso della costruzione di una soggettività politica e partitica del tutto slegata dalle beghe del residuale socialismo italiano, e lo abbiamo fatto non per saccenteria o egocentrismo, ma per la semplice presa di coscienza che avviare un discorso socialista richieda oggi spostarsi su un terreno del tutto nuovo, lontano dalle macerie del socialismo italiano, e di cominciare a lavorare dalle fondamenta per la costruzione di una soggettività che sia nuova, seppur incameri l’insegnamento fatto di lotte, vittorie e sconfitte, dei tanti decenni passati.

Avevamo capito, alcuni anni fa, che se il socialismo è la necessaria alternativa alla centralità del capitale, le soggettività politiche che in Italia e in Europa si definivano socialiste erano ormai poco più che inutili assistenti di quel mondo liberal-globalista che da diversi decenni si è andato instaurando ovunque. L’idea stessa del socialismo in quanto alternativa era stata tradita dall’interno e in modo definitivo. Ora si tratta di ricostruire.

Non si tratta di ricostruire solo un soggetto politico socialista. Non è assolutamente pensabile poterlo fare senza un processo chiarificatore su cosa sia il socialismo e quali debbano essere le direttrici politiche e programmatiche per avviarci sul giusto sentiero. Se il socialismo, come è ovvio, non è solo diritti civili, come in tanti hanno cercato di farci credere, ma è l’alternativa di struttura al nostro mondo globalizzato, allora esso va definito, collocato nel tempo e nello spazio in modo chiaro. Il nostro compito in questo lavoro sarà, quindi, duplice: da una parte, ridare dignità e anima teorica al socialismo assiomaticamente inteso come proprietà comune e controllo democratico dei mezzi di produzione; dall’altra, avviare un discorso politico che ci aiuti a definire il tragitto da seguire. Se la parte teorica serve a indicare un luogo di arrivo, la parte politica traccia la via definendo quel percorso, cangiante e dinamico a seconda dell’evoluzione politica nazionale ed internazionale, necessario alla costruzione del partito.

Diciamoci la verità. Il socialismo è ormai orfano di una sua collocazione organizzativa e partitica nella società, e lentamente il militante socialista, che aveva un punto di riferimento consolidato nel tempo, si è visto abbandonato e, vagando negli anni alla ricerca di un approdo familiare, si è culturalmente trasformato in qualcosa di diverso oppure eclissato nell’indifferenza. Mi pare che i fatti siano proprio in questi termini. Dobbiamo invertire la rotta. Ecco perché la necessità di questo elaborato. Il Manifesto del Socialismo: per la rifondazione teorica e la ricostruzione organizzativa del socialismo.

Perché allora è fondamentale riattivare l’impianto ideologico socialista? Lenin diceva che “la questione si può porre solamente così: o ideologia borghese o ideologia socialista. Non c’è via di mezzo (poiché l’umanità non ha creato una terza ideologia, e, d’altronde, in una società dilaniata dagli antagonismi di classe, non potrebbe mai esistere una ideologia al di fuori o al di sopra delle classi)".

Un primo punto di partenza sarà quello di accogliere gli insegnamenti dei padri del socialismo. Prenderemo in prestito, attualizzandoli, gli insegnamenti di Luxemburg, Gramsci, Marx, Engels, Lenin, e tanti altri. Siamo noi a dover rifondare il socialismo, e sarà nostro l’onere di ricreare le condizioni teoriche per il risveglio del socialismo in questo secolo.

Tornando, quindi, al termine ideologia. Alcune considerazioni sul termine sono dovute tenuto conto delle probabili obiezioni di molti, data la marxiana accezione negativa del termine, in quanto falsa coscienza. Al netto di questa prima connotazione negativa di Marx e Engels, in una sorta di lotta dicotomica tra struttura e sovrastruttura, lo studio e le valutazioni del termine sono andate modificandosi nel tempo acquisendo una accezione positiva, non illusoria o visionaria, ma necessaria, come riportato anche nel passaggio di Lenin appena menzionato. Seppur Marx e Engels siano andati modificando l’opinione sul termine, è il Gramsci che dichiara come l’ideologia sia “il terreno in cui gli uomini si muovono, acquistando coscienza della loro posizione, lottano, ecc." e costata come le ideologie, anche per Marx, siano tutt’altro che illusioni e apparenza, "sono una realtà oggettiva ed operante, ma non sono la molla della storia, ecco tutto. Non sono le ideologie che creano la realtà sociale, ma è la realtà sociale, nella sua struttura produttiva, che crea le ideologie". Siamo qui naturalmente nel campo marxiano per cui la realtà sociale è la realtà oggettiva che opera nella struttura produttiva, mentre l’ideologia è la realtà oggettiva che opera nelle sovrastrutture.

Ma l’ideologia è naturalmente teoria, pensiero, che non può incidere sulla realtà sociale se non attraverso l’azione politica diretta. È la realtà sociale, sono i rapporti di produzione che corrispondono a un determinato grado di sviluppo delle forze produttive materiali che costituiscono la struttura economica della società. Usciti dal terreno dell’analisi, quindi, bisogna proporre un’alternativa di società e l’ideologia diviene lo strumento per una prima percezione di dove siamo, chi siamo, come siamo organizzati, quale grado di sviluppo delle forze produttive la società ha raggiunto, per poi poter indirizzare le forze costruttive del partito e della classe lavoratrice, classe di riferimento di cui il partito difende gli interessi, per il raggiungimento di una società alternativa; società raggiungibile attraverso l’attuazione di una precisa azione pratica.

In questo senso l’ideologia continua a non creare la realtà sociale ma, analizzandola, può foggiare le basi teoriche e politico-programmatiche per una trasformazione della realtà sociale attraverso l’azione del partito e della classe sociale di riferimento. Smette inoltre di essere falsa coscienza, poiché l’impianto ideologico si fa promotore di una presa di coscienza della realtà sociale e, ancorandosi ai processi produttivi in atto, cerca di definire la via per l’alternativa di società.

L’ideologia socialista, quindi, dove il termine socialista definisce naturalmente un indirizzo politico chiaro.

 

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    librimanuel santoromanoscrittosocialismo
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Covid-19: 1 su 2 pronto ad usufruire dei nuovi bonus per cambiare l'auto

    Covid-19: 1 su 2 pronto ad usufruire dei nuovi bonus per cambiare l'auto


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.