A- A+
MediaTech
De Benedetti addio, sono stato troppo indipendente. Domani è un altro giorno

Soltanto grazie

Dopo che l'azienda mi ha sostituito come direttore di Domani, ho ricevuto una ondata di affetto. Sembra il mio funerale da vivo, ma è anche la conferma che in questi anni non abbiamo sprecato tempo


Buongiorno a tutte e tutti,

in questi anni i miei colleghi e collaboratori hanno avuto modo di conoscere i miei pregi e difetti, tra questi ultimi uno che mi è stato spesso fatto notare è di non essere particolarmente espansivo quando si tratta di apprezzamenti (e di essere magari un po’ troppo morbido nel far notare le cose che non vanno). Più in generale, ho la fama meritata di non essere uno che esprime molte emozioni.

Questa volta devo forzare la mia natura per cercare di trasmettere davvero il grandissimo senso di gratitudine che provo in queste ore.

Sono due giorni che rispondo a un messaggio al secondo, le telefonate non riesco proprio a prenderle, le mail non ho neanche iniziato a guardarle.

Vorrei soltanto dirvi grazie, a tutte e tutti, sto cercando di farlo individualmente, uno per uno, ma colgo l’occasione e lo spazio per farlo anche in modo collettivo.

Mi piacerebbe riportarne qualcuno, di quei messaggi, ma sono personali e non sarebbe giusto: dai colleghi, ai tanti collaboratori, stagisti passati per qualche mese dal nostro giornale, giornalisti vicini e lontani, magari che ho conosciuto appena, e poi perfino i politici che abbiamo preso tanto di mira che salutano e ringraziano.

La mia prima reazione è stata, forse con un eccesso di cinismo giornalistico, che mi sembra di assistere al mio funerale da vivo: mai avrei pensato di ricevere tanto affetto da persone, conosciute o sconosciute, con le quali ho interagito in un contesto che è pure sempre – e forse soltanto – lavoro.

Ma questa cascata di messaggi e telefonate mi porta a una conclusione più generale che vorrei condividere con voi.

Il senso dei giornali
Nell’epoca dei social e della comunicazione disintermediata, possiamo tutti costruirci una dieta mediatica personalizzata: le notizie circolano gratis, le opinioni non mancano, per essere persone influenti (che siano anche influencer o meno) non è certo necessario iscriversi all’albo dei giornalisti.

Intere generazioni non sanno neanche cosa sia una edicola e considerano la carta soltanto alberi inutilmente morti.

In questo contesto i giornali possono sembrare dei ferrivecchi, chi ha bisogno di una testata sotto la quale raccogliere fatti e opinioni? Non basta aprire Instagram o TikTok o iscriversi a una newsletter?

Quando è nato Domani, nel 2020, abbiamo fatto tutti la scommessa che per i giornali uno spazio ci fosse. Magari non enorme, ma rilevante.

Dopo tre anni e che quell’esperienza è finita, almeno per me, posso confermare che uno spazio c’è eccome: perché in questi anni Domani è stato molto più di un contenitore di articoli.

Ci siamo concentrati su due cose: produrre informazione originale, che nessuno aveva e che tanti preferivano evitare che uscisse, e mettere insieme analisi, opinioni e idee che permettessero di affrontare la complessità.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
domani stefano feltri de benedetti





in evidenza
Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"

Guarda il video

Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.