A- A+
MediaTech
Diritti tv, De Laurentiis attacca Melandri: "Ha distrutto calcio e cinema"

Il presidente de Napoli si toglie qualche sassolino dalla scarpa in un'intervista sul prossimo bando dei diritti tv della Serie A 

Il Presidente del SSC Napoli Aurelio De Laurentiis al programma "Tutti convocati", in onda su Radio 24 sul prossimo bando dei diritti tv della Serie A di calcio ha detto: "È la più grossa stonzata del mondo. Perché nessuno ha mai avuto il coraggio di dire come si è permessa la Melandri di limitare la produttività del calcio italiano con una legge di merda come quella che ci ha imposto? Se fai l'imprenditore devi combinare i fattori della produzione in totale libertà, non ci deve essere nessuna legge che mi limita, è anticostituzionale. La Melandri ha distrutto prima il cinema e poi il calcio, chi mi spiega perché i politici devono fare cose di cui non hanno scienza e conoscenza".

LEGGI ANCHE: False fatture nel calcio: chiesta la condanna di Galliani e De Laurentiis

De Laurentiis: "Superlega mai, ma a chi importa di Europa e Conference League?"

Sempre al programma "Tutti convocati" in oda su Radio 24, Aurelio De Laurentiis parla della situazione economica del calcio europeo: "Noi stiamo ancora alla Champions, alla Europa League e alla Conference, ma a chi interessa spendere dei soldi per portare la propria squadra a giocare la Conference? Mi terrorizzava addirittura fare l'Europa League".

Il patron del Napoli continua: "Nessuno si vuol rendere conto. Il problema è che non si fa mai luce sull’economia del calcio. Ci sta benissimo il merito e lo spirito della sportività, però poi dopo bisogna conciliare i fattori di produzione con le esigenze di un mercato. Se non ci sono i proventi da investire significa che questo calcio è morto, non funziona e chi lo comanda dall'alto non ha interesse a farlo lievitare. Perché non ha interesse? Perché così può si possono mantenere le proprie posizioni e rimpinguare le proprie tasche".

LEGGI ANCHE: Maglia del Napoli dedicata a Maradona. Inchiesta, si ipotizza una truffa

Il giornalista di Radio 24 chiede: "L'idea sarebbe dunque una Superlega?". De Laurentiis risponde: "Giammai lo dissi ad Agnelli, perchè la voleva fare per un gruppo di club che fossero un'élite e non è così. È sbagliato concedere alla UEFA di incassare 800 milioni che non si sa che fine debbano fare. Mettiamo dieci miliardi sul tavolo e facciamo un campionato europeo, ma senza quelle palline coi sorteggi sbagliati. Le prime sei di un campionato importante o la prima di un campionato minore devono giocare gare secche contro tutti, allora diventa un campionato europeo che mette dieci miliardi sul tavolo. L'abbonato delle piattaforme vuole vedere un calcio interessante".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
calciocinemade laurentiisdiritti tvmelandri





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.