A- A+
MediaTech
Liofredi, manager acchiappashare. Ma per Rai Ragazzi si scalda Milano. Rumors
Massimo Liofredi
Di Monica Setta
 
A Campo Dall'Orto non è mai piaciuto perché forse al Direttore generale della Rai gli ascolti interessano solo parzialmente. Massimo Liofredi, già capo struttura di Rai 1 poi direttore di Rai 2 dal 2009 al 2011 e da 6 anni plenipotenziario di Rai ragazzi, è notoriamente un manager acchiappashare. Sotto la sua direzione Rai yo yo e Rai Gulp sono diventate i 2 canali più visti del bouquet digitale di viale Mazzini con un ascolto medio sopra il 3 per cento quotidiano: ma ai vertici Rai Liofredi non piace e presto - come Affaritaliani.it è in grado di anticipare - il direttore dovrà lasciare la poltrona a Luca Milano, numero 2 di Rai fiction che arriverà portandosi dietro come vice Mussi Bollini.
 
Tutto è iniziato lo scorso anno con un job posting lanciato da Campo che cercava un sostituto per Liofredi. Quel post si rivelò tuttavia incompleto e fu bloccato da Anna La Rosa che, a spasso dopo essere stata rimossa dalla direzione dei servizi parlamentari, prendeva un massimo di 240mila euro per non lavorare. Anna, laureata in pedagogia con una lunga esperienza nel mondo infantile era la persona giusta per Rai ragazzi tanto che dopo il suo colloquio le nomination si erano improvvisamente fermate. Finché La Rosa non ha firmato la transazione per lasciare l'azienda, massimo è rimasto al suo posto portando le 2 reti sempre più su come ascolti e qualità dei programmi. Ora che Anna ha abbandonato la Rai (con una buonuscita pare poco sotto i 400mila euro, tfr compreso) il cambio al vertice di Rai ragazzi è  tornato di stretta attualità. A scatenare Campo sarebbe stata nello specifico una intervista concessa da Liofredi a tv blog che al Direttore generale era apparsa troppo egoriferita . Strano perché Liofredi è sempre stato un aziendalista convinto che parla con la stampa solo se è autorizzato.
 
Anche a noi di Affaritaliani.it che lo chiamiamo per chiedergli se è pronto a fare le valigie non risponde e ci rimanda al suo ufficio stampa di rete che smentisce tutto. "Il Direttore non rilascia dichiarazioni" fanno sapere da Borgo sant"Angelo, sede di Rai ragazzi, aggiungendo il consiglio di rivolgerci direttamente a viale Mazzini. Ma le smentite di Liofredi che recentemente è stato per un periodo in malattia perché affetto da una difficile asma bronchiale, lasciano il tempo che trovano visto che metà del cda ci conferma che Luca Milano & Mussi Bollini sono in arrivo. Campo avrebbe voluto anche Angelo Teodoli al posto di Liofredi ma l'operazione non è stata possibile.
 
Che accadrà adesso? Liofredi dovrà comunque avere un'altra sistemazione  (altrimenti sarebbe il secondo demansionamento dopo Rai 2 e scatterebbe l'ex articolo 700 cioè la causa per il reintegro con esborso per le casse Rai già in crisi) oppure dovrà raggiungere come ha fatto Anna La Rosa un accordo transattivo con l'azienda con tanto di "scivolo" verso il prepensionamento (anche questo assai costoso per la Rai).
 
Davvero dunque con tanti direttori senza poltrona e che pesano sulle casse Rai Campo vuole aprire un fronte anche con Liofredi che risulta - come ebbe a scoprire mesi fa il giornalista di punta del Messaggero Marco Castoro - uno dei manager Rai più stimati da Paolo Gentiloni?
 
Intanto vediamo che Luca Milano appare nel blog di Beppe Grillo con molti figli d'arteECCO I NOMI. Tinni Andreatta, responsabile fiction di Raiuno,  FIGLIA  di Beniamino Andreatta. Bianca Berlinguer, conduttrice del Tg3, figlia di Enrico, segretario del Pci. Barbara Boncompagni, autrice, figlia di Gianni. Claudio Cappon, direttore generale, figlio di Giorgio, ex direttore generale dell’Imi. Antonio Di Bella, corrispondente da Parigi figlio di Franco, ex direttore del “Corriere della Sera”. Claudio Donat-Cattin, capostruttura Raiuno, figlio dell’ex ministro democristiano Carlo. Jessica Japino, programmista regista delle edizioni di “Carramba”, figlia di Sergio. Giancarlo Leone, direttore di Rai Uno, figlio dell’ex presidente della Repubblica Giovanni. Stefania Pennacchini, Rai Parlamento, figlia di Erminio, ex sottosegretario Dc. Claudia Piga, Tg1, figlia dell’ex ministro dc, Franco. Francesco Pionati, notista politico del Tg1, figlio dell’ex sindaco di Avellino. Alessandra Rauti, redattore del Gr, figlia di Pino, segretario del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore. Silvia Ronchey, autrice e conduttrice di programmi, figlia di Alberto, ex ministro dell’Ulivo ed ex presidente di Rcs. Paolo Ruffini, direttore Gr, nipote del cardinale e figlio di Attilio, ex deputato e ministro dc. Sara Scalia, capostruttura di Raidue, figlia della giornalista Miriam Mafai. Maurizio Scelba, Tg1, figlio di Tanino, ex portavoce del presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Mariano Squillante, ex corrispondente da Londra, poi a RaiNews 24, figlio dell’ex giudice Renato. Giovanna Tatò, Raitre, figlia  di Tonino, consigliere di Enrico Berlinguer. Carlotta Tedeschi, Gr, figlia di Mario, senatore Msi. Daniel Toaff, capostruttura e autore della ‘Vita in diretta’, figlio dell ‘ex rabbino di Roma, Elio. Stefano Vicario, regista di Giorgio Panariello, figlio del regista cinematografico Marco. Rossella Alimenti, Tg1, figlia  di Dante, ex vaticanista Rai. Paola Bernabei, Ufficio stampa, figlia dell’ex direttore generale della Rai, Ettore, proprietario della società di produzione Lux. Giovanna Botteri, Tg3, figlia  di Guido, ex direttore sede Trieste Rai. Manuela De Luca, Raiweb, figlia di Willy, ex direttore generale Rai. Annalisa Guglielmi, sede Rai di Milano, figlia di Angelo Guglielmi, ex direttore di Raitre. Simonetta Martellini, Radio Rai, figlia di Nando, radiocronista sportivo. Luca Milano, vice direttore Rai Fiction, figlio di Emanuele, ex direttore Tg1 ed ex vice direttore generale. Barbara Modesti, Tg1, figlia dell’annunciatrice Gabriella Farinon e del regista Rai Dore. Monica Petacco,Tg2, figlia di Arrigo, storico e consulente di programmi Rai. Andrea Rispoli, Raidue, figlio del conduttore Luciano, ex Rai.
 
Alcuni non lavorano più in Rai, altri sono scomparsi, ma l'elenco viene continuamente aggiornato. Tu chiamalo se vuoi nepotismo....
 
Tags:
massimo liofredimassimo liofredi raimassimo liofredi rai ragazzirai ragazzirai massimo liofredi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.