A- A+
MediaTech
Meta e il crollo in Borsa, ecco i 4 becchini che hanno fatto il funerale a Fb
Mark Zuckerberg

Facebook-Meta, un crollo in Borsa prevedibile. Intervista a Edoardo Fleischner 

Facebook ha bruciato oltre 220 miliardi di dollari in un solo giorno. Quello del social network è stato il più grande crollo finanziario nella storia della Borsa di New York. Un record (quasi) inimmaginabile. Per la prima volta dalla sua fondazione, Facebook ha perso utenza: nell'ultimo trimestre dello scorso anno, i profili attivi quotidianamente sono scesi da 1,930 a 1,929 miliardi. 

Affaritaliani.it ha interpellato Edoardo Fleischner, docente di crossmedialità all’Università Statale di Milano, conduttore di “Media e dintorni” su Radio Radicale e firma del quotidiano “La Ragione”.

Fleischner dà quattro motivazioni al crollo finanziario di Facebook. Il primo punto "riguarda indubbiamente i competitor. Ciò che ha sancito l’inizio del processo involutivo è riassumibile in uno solo nome: Apple. Il colosso di Cupertino, infatti, rappresenta il massimo esponente del mercato ricco, principalmente europeo. Ma cos’ha fatto Apple? Il Ceo Tim Cook, essenzialmente, ha dato la possibilità ai propri utenti, ovviamente su iPhone e dispositivi della Mela, di scegliere se tracciare le loro informazioni per poi rivenderle ad aziende terze con fini pubblicitari. Solo il 25% degli utenti ha accettato di essere tracciato e questo, naturalmente, è stato un segnale d’allarme per ogni investitore", spiega Fleischner.

Facebook, la pubblicità si è spostata su altri canali

In secondo luogo, continua Fleischner, vi è il modello di business che cambia. "Infatti, il più anziano business model, la pubblicità, non è più il modus operandi fondamentale di Apple, la quale si è spostata su altri canali più redditizi e verso grande espansione. Il modello pubblicitario è dunque in discesa, colpito da un altro tipo di business in grande ascesa: l’abbonamento". Il terzo fattore, prosegue, è la tecnologia stessa, che porta subito al quarto punto. "Questo tipo di tecnologia che serve ai social network è stata ideata per raggiungere più persone possibili. O, più realisticamente, più clienti possibili. Il cardine è proprio questo: il plateau di clienti raggiungibili. Le persone non sono infinite, non possono esserci clienti infiniti. Ed è chiaro che, per questo tipo di colosso del web, il quale "possiede" circa 3,5 miliardi di account di persone esistenti, non possa raggiungere davvero tutti sulla Terra".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
borsaedoardo fleischnerfacebookmetametaversowall streetzuckerberg





in evidenza
Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

Vota il sondaggio di Affari

Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini

Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini


motori
Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.