A- A+
MediaTech
Pd, la faida con Sansonetti continua. "Alla festa del partito esclusa l'Unità"

Dopo i figli di Berlinguer è la volta del Pd: L'Unità non invitata alla festa

L'Unità diretta da Piero Sansonetti continua ad essere al centro della polemica. Dopo la presa di posizione dei figli di Berlinguer, che si sono scagliati contro il quotidiano che un tempo era il manifesto della sinistra per l'operazione di marketing del giornale di riprendere le pubblicazioni dei libri dell'ex leader del partito comunista, con la lettera polemica inviata al direttore Sansonetti "nostro padre non è un brand". Ecco che ora è il partito democratico a prendere le distanze dal quotidiano, addirittura estromesso dalla festa del partito. Si chiamerà - si legge su Repubblica - ancora festa dell’Unità. Ma senza L’Unità. Niente stand del giornale, appena rinato. Niente distribuzione delle copie tra gazebo e risto-bar con salamella, come avveniva in passato, anche in tempi relativamente recenti, ogni volta che il Pd, o i Ds, hanno tentato di riportare in edicola il foglio che fu di Gramsci.

Leggi anche: “Nostro padre non è un brand": è faida tra i figli di Berlinguer e l'Unità

Leggi anche: Schlein sotto attacco dopo il ko alle amministrative: Pd verso la scissione?

Il Nazareno di Elly Schlein - prosegue Repubblica - è sì al lavoro per rilanciare lo storico appuntamento della sinistra, che si terrà probabilmente in Romagna in solidarietà con gli alluvionati, ma si smarca dal quotidiano appena rieditato dall’imprenditore Alfredo Romeo, lo stesso proprietario del Riformista di Renzi, con Piero Sansonetti come direttore. Per capire cosa pensino della nuova Unità nella cerchia di Schlein, basta sentire cosa dice Sandro Ruotolo, responsabile Informazione e Cultura nella segreteria nazionale: "I figli di Berlinguer hanno ragione". Molti leader politici della sinistra hanno mandato messaggi alla famiglia Berlinguer. Ma soprattutto si sono fatti sentire i vecchi militanti del Pci, che ancora ricordano cosa ha significato il giornale, bandiera e simbolo di lotte, e come lo si andava a distribuire per strada a prezzo di qualsiasi sacrificio. La lettera dei figli di Berlinguer a Sansonetti ha fatto il giro dei social, condivisa da tanti con lo slogan "Giù le mani da Enrico".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
l'unitàpd





in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


in vetrina
Estate 2024, Fs rafforza i treni turistici: sulla linea tre nuove destinazioni

Estate 2024, Fs rafforza i treni turistici: sulla linea tre nuove destinazioni


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.