A- A+
MediaTech
Netflix "ruba" pubblicità e abbonati: per la Rai buco fino a 65 milioni
(Fonte immagine: Pexels) 

Rai in allarme per la pubblicità su Netflix

"Meno 93 milioni di entrate pubblicitarie in 3 anni. La Rai teme che questa grande voragine si aprirà nel suo bilancio fra il 2023 e il 2025". Lo scrive oggi Repubblica, secondo cui "la responsabilità è anche di Netflix che sta già raccogliendo la pubblicità qui in Italia, con il supporto di Microsoft. È la pubblicità che Netflix - da questo 3 novembre - inserirà nelle sue serie tv, nei film e nei documentari".

"Anche se Netflix entra in punta di piedi nel mercato della pubblicità, la Rai è in allarme rosso. La televisione di Stato pensa intanto che l’abbonamento low cost da 5,49 euro al mese procurerà a Netflix milioni di nuovi clienti", spiega Repubblica. "Parte della pubblicità che oggi va sulla Rai, inevitabilmente travaserà su Netflix. E la “erosione” - questo il termine che usano alla tv di Stato - oscillerà da un minimo di 12 a un massimo di 65 milioni di euro (tra il 2023 e il 2025). Alle perdite imputabili a Netflix, si sommeranno quelle effetto delle nuove regole europee sugli affollamenti", conclude il quotidiano. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
netflixrai





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream


motori
Nissan sponsor ufficiale alla 49ª edizione della RomaOstia Half Marathon

Nissan sponsor ufficiale alla 49ª edizione della RomaOstia Half Marathon

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.