A- A+
MediaTech
Rai, la nomina di Rossi come ad è a rischio. Meloni stufa: "Che state a fa?"
Giampaolo Rossi

Rai, le nomine agitano la maggioranza. Meloni rimette tutto in discussione

I rapporti sempre più complicati a livello europeo tra Meloni e Salvini, a causa delle strade diverse intraprese sul fronte della politica estera, non aiutano a trovare l'intesa per i nuovi vertici Rai. Le nomine continuano a slittare e i partiti a prendere tempo. L'incontro decisivo tra Meloni, Salvini e Tajani dovrebbe tenersi settimana prossima. Oltre ai nomi da scegliere per la nuova gestione di Viale Mazzini, ci sono altre due incognite, legate alla pubblicità e al canone. La maggioranza di governo non riesce a trovare l'accordo e i tempi si allungano. In più c'è appunto il problema della scelta dei manager da mettere alla guida della Rai per far risalire gli ascolti, dopo il clamoroso sorpasso effettuato da Mediaset nell'ultimo anno.

Leggi anche: Rai news, elezioni francesi snobbate: Commissione Vigilanza chiede relazione

Si racconta - in base a quanto risulta a La Repubblica - che Giorgia Meloni sia molto infastidita, non più così convinta di affidare il timone al predestinato: l'attuale dg Giampaolo Rossi, che sembrava non avere rivali fino a qualche giorno fa per prendere il posto che adesso occupa Roberto Sergio. Sono troppe le cose che non sono piaciute alla premier, tanto che - secondo quanto riporta La Repubblica - si sarebbe rivolta così in privato al dg Rossi: "Che state a fa?". La principale colpa attribuita Rossi sarebbe stata quella di aver assegnato le caselle strategiche dell'azienda a figure non all'altezza, scelte fatte non sulle effettive capacità manageriali ma in base all'affiliazione partitica e a sodalizi personali. Ma il sottosegretario Giovanbattista Fazzolari non vuol sentire ragioni: "Rossi non si tocca", avrebbe ribadito ieri. Anche perché, la sconsolata constatazione, "non abbiamo alternative".






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.