A- A+
MediaTech
Smart working, il ribaltone di Zoom i lavoratori richiamati tutti in azienda

Zoom, cambia la policy societaria. Addio all'era Covid, tutti in ufficio

Novità clamorosa in Zoom, la società di video comunicazione simbolo dello smart working ha deciso di cambiare strategia, addio al lavoro da casa e tutti di nuovo in ufficio. Il gruppo - riporta Repubblica - ha chiesto al suo personale di tornare a lavorare in presenza. La notizia non è passata inosservata e tutti i principali giornali e agenzie straniere ne hanno dato notizia in prima pagina. L’azienda — riporta la Bbc — volta pagina e ritiene che un "approccio ibrido strutturato" sia più efficace e che le persone che vivono entro 50 miglia (80 chilometri), da una qualsiasi sede dell’ufficio, dovrebbero lavorare in presenza.

Quanto? Almeno due volte a settimana. Zoom, in realtà si è semplicemente allineata alla politica di una lunga serie di aziende, da Amazon a Google a Disney, che richiedono ai lavoratori la presenza alla scrivania.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
smart workingzoom





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.