A- A+
Medicina
Alzheimer: alcuni geni aumentano il rischio di svilupparlo. Alzheimer scoperta

Alzheimer ultime scoperte 2018: geni aumentano il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. La scoperta

ALZHEIMER SCOPERTA: un recente studio apparso nella rivista Acta Neuropathologica, ha condotto alla rilevazione di alcuni punti del DNA che sembrano essere coinvolti sia nel rischio di malattie cardiovascolari che nel rischio di Alzheimer. 

Gli scienziati avevano già rilevato da qualche anno l’esistenza di un legame nelle variazioni genetiche associate al gene APOE, che è coinvolto nel metabolismo del colesterolo e dei lipidi e nella malattia di Alzheimer. E’ ormai noto che la presenza di questo gene aumenta il rischio di Alzheimer e, in alcuni pazienti, fino a 12 volte in più rispetto ad altri.

Alzheimer e genetica: prevenire la malattia di Alzheimer ritardandola. Il ruolo dei geni

"Queste scoperte sono utili per prendere in considerazione la possibilità di utilizzare coinvolti nel metabolismo dei lipidi", afferma l'autore co-senior Celeste M. Karch, assistente professore di psichiatria presso la Washington University School of Medicine di St. Louis.

"Con questi risultati, si può iniziare a valutare se alcuni di questi farmaci possono essere utili per prevenire o ritardare la malattia di Alzheimer. Il nostro studio sottolinea che c'è ancora molto da imparare sul modo in cui i geni influenzano il rischio di Alzheimer e aumentano anche il rischio di sviluppare altri problemi di salute come le malattie cardiovascolari, e viceversa. Quindi è necessario riconsiderare tali rischi in una maniera più olistica".

Malattia di Alzheimer: fattori di rischio per malattie cardiache e Alzheimer. Il mega studio genetico

Si tratta del più grande studio genetico riguardante la malattia di Alzheimer.

I ricercatori hanno esaminato le differenze nel DNA delle persone e i fattori che contribuiscono allo sviluppo di malattie cardiache o al rischio di Alzheimer.

Lo studio genetico ha condotto all’identificazione di 90 punti nel genoma associati al rischio di sviluppare entrambe le malattie.

Alzheimer e malattie cardiovascolari prevenzione: l’importanza della storia familiare 

Dall'analisi emerge che sei delle 90 regioni hanno avuto conseguenze sull'Alzheimer e sui livelli elevati di lipidi nel sangue, compresi diversi geni che non erano stati precedentemente associati al rischio di demenza. Questi includevano diversi punti all'interno della regione CELF1 / MTCH2 / SPI1 sul cromosoma 11 che la ricerca aveva precedentemente collegato al sistema immunitario.

I ricercatori hanno confermato queste scoperte in un ampio studio genetico condotto su adulti sani e hanno mostrato come questi stessi fattori di rischio siano comuni in persone con una storia familiare di Alzheimer, anche se loro stessi non avevano sviluppato demenza o altri sintomi come perdita di memoria.

I ricercatori, inoltre, si sono concentrati su specifici fattori di rischio per le malattie cardiache - come un indice di massa corporea elevato, diabete di tipo 2 e livelli elevati di trigliceridi e colesterolo (HDL, LDL e colesterolo totale) - per vedere se alcuni di questi fattori di rischio associati allo sviluppo si malattie cardiache fossero anche geneticamente correlati al rischio di morbo di Alzheimer.

Malattia di Alzheimer e malattie cardiovascolari: il ruolo del metabolismo dei lipidi 

"I geni che hanno influenzato il metabolismo dei lipidi sono anche correlati al rischio di malattia di Alzheimer", dice Karch. "I geni che contribuiscono ad altri fattori di rischio cardiovascolare, come l'indice di massa corporea e il diabete di tipo 2, non sembrano contribuire al rischio genetico per lo sviluppo della malattia di Alzheimer".

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, attraverso queste importanti scoperte potrebbe essere possibile ridurre il rischio di Alzheimer in alcune persone attraverso il controllo del colesterolo e dei trigliceridi, dice l'autore co-senior Rahul S. Desikan, assistente professore di neuro-radiologia presso l'Università della California, a San Francisco.

"Questi risultati implicano che indipendentemente dalle cause, le patologie cardiovascolari e il morbo di Alzheimer sono collegate geneticamente. Cioè, se hai queste varianti genetiche, potresti essere a rischio non solo per le malattie cardiache ma anche per l'Alzheimer ".
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    alzheimeralzheimer ultime scoperte 2018alzheimer e geneticamalattia di alzheimermorbo di alzheimeralzheimer prevenzionemalattie cardiovascolari
    in evidenza
    CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

    Le foto

    CR7-Manchester, divorzio vicino
    Georgina mostra il pancione

    i più visti
    in vetrina
    Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

    Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis celebra il suo primo anno di successi

    Stellantis celebra il suo primo anno di successi


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.