A- A+
Medicina
Colesterolo buono aiuta a controllare la glicemia: scoperta su colesterolo hdl

Glicemia: colesterolo buono aiuta a tenerla sotto controllo. Uno studio italiano su colesterolo hdl

Il colesterolo buono aiuta anche a tenere sotto controllo la glicemia. Una scoperta tutta italiana arriva dallo studio di giovani ricercatori presentato al congresso dell'Associazione per lo studio del diabete (Easd) in corso a Berlino, grazie a un 'travel grant' della Società italiana di diabetologia (Sid).

Colesterolo buono può servire: il controllo della glicemia nei soggetti con diabete. Le lipoproteine hdl

Le lipoproteine Hdl si stanno rivelando sempre più 'buone'. Non solo rimuovono i grassi dalle arterie, proteggendo così dalla formazione della placca aterosclerotica, ma addirittura potrebbero avere un ruolo nel controllare la glicemia. Stimolano da una parte le cellule beta a produrre insulina e dall'altra tengono sotto controllo la secrezione di glucagone, l'ormone prodotto dalle cellule alfa del pancreas che fa alzare la glicemia ed è spesso troppo elevato nei soggetti con diabete e pre-diabete, come emerge dalla ricerca dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, che apre nuove prospettive terapeutiche per il diabete sia di tipo 1 che 2.

Aumentare il livello di colesterolo hdl migliora il controllo di glicemia e diabete. Colesterolo buono agisce su cellule del pancreas

L'equipe, diretta da Giorgio Sesti, ha studiato una coorte di 130 persone non diabetiche, evidenziando una correlazione inversa tra i livelli circolanti di Hdl e glucagone. A conferma di questa osservazione, esperimenti su topi non diabetici hanno dimostrato che la somministrazione di Hdl e della sua principale componente proteica ApoA1, riduceva la risposta del glucagone allo stimolo ipoglicemico, suggerendo un effetto diretto sulla funzione della cellula alfa pancreatica. Un'ipotesi confermata attraverso esperimenti in vitro su un modello di cellule alfa del pancreas.

"I risultati ottenuti dal nostro studio - spiega Gaia Mannino, dell'università 'Magna Graecia' di Catanzaro - evidenziano un nuovo ruolo esercitato dal colesterolo Hdl e dalla sua porzione proteica ApoA1 sulla funzione delle cellule alfa pancreatiche, suggerendo la possibilità che strategie terapeutiche in grado di aumentare i livelli circolanti di Hdl possano essere utili nel migliorare il controllo metabolico nei soggetti con diabete mellito".

Colesterolo, hdl stimola secrezione insulinica e cellule del pancreas: colesterolo buono combatte diabete di tipo 1 e di tipo 2

 "Da tempo - ricorda Sesti, direttore dell'unità operativa di Medicina interna dell'Università 'Magna Graecia' di Catanzaro e presidente della Fondazione diabete ricerca - riconosciamo il colesterolo Hdl come colesterolo 'buono'; per quanto riguarda il diabete inoltre, studi in vivo ed in vitro hanno dimostrato che l'Hdl svolge un ruolo positivo nel controllo metabolico stimolando la secrezione insulinica e la funzione delle cellule beta pancreatiche". "La novità di questo studio è che per la prima volta - sottolinea - è stato dimostrato un ruolo del colesterolo buono nel ridurre la secrezione di glucagone, un ormone che ha effetti opposti all'insulina in quanto induce iperglicemia. Questo studio apre nuove prospettive terapeutiche sia nel diabete tipo 1 sia di tipo 2, in quanto un aumento dei livelli di glucagone è riscontrabile in entrambe le forme della malattia e contribuisce all'innalzamento della glicemia''.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    colesterolo buonocolesterolo hdlcolesterolo controlla glicemiaglicemia curacolesterolo buono serve
    in evidenza
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi

    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, Hannibal e un maggio bollente: fino a 51 gradi. Previsioni

    Meteo, Hannibal e un maggio bollente: fino a 51 gradi. Previsioni


    casa, immobiliare
    motori
    Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

    Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.