A- A+
Medicina
Coronavirus, più polline più contagi uno studio conferma il nesso
mascherina

“Più polline concentrato nell’aria, più infezioni,” la concentrazione di polline nell'aria sembra avere una connessione con il Coronavirus. Sono quesi i risultati di uno studio realizzato tra marzo e aprile dello scorso anno, attraverso 250 stazioni di rilevazione nel mondo.

Da questa analisi sembrerebbe che il polline indebolisca la prima linea di difesa contro i virus respiratori, indipendentemente dal fatto se si soffra o meno di allergie.

“Quando il polline aumenta, ci sono più infezioni. Quando diminuisce, diminuiscono ", conferma María del Mar Trigo, dell'Università di Malaga e coautrice dello studio.

Il lavoro ha sovrapposto la quantità giornaliera di cereali da 248 stazioni aerobiologiche in 31 paesi con quella del numero di contagi nell'area più vicina (locale, regionale e nazionale).

La correlazione tra polline e contagi è stata verificata in quasi tutte le aree studiate, per la maggior parte situate in Europa. Lo studio fornisce anche percentuali precise: un aumento di 100 grani per metro cubo d'aria porta ad un aumento del 4% del numero di casi dopo tre o quattro giorni.

Athanasios Damialis, capo di aerobiologia presso l'Università tecnica di Monaco (Germania), ha ricevuto i dati sulla concentrazione di polline da più di cento colleghi di tutto il mondo. Dai risultati si osserva che dove o quando il lockdown è stato rinforzato, la variazione parallela di polline e contagio si è indebolita.

Nelle aree mediterranee "le alte temperature e la siccità potrebbero aver eliminato l'effetto del virus indipendentemente da altri fattori come il polline". Alla fine dell'estate e all'inizio dell'autunno si è prodotta la seconda ondata di pandemia, alimentata da turismo, scuola o arrivo del freddo. Ed è stato questo il momento della più bassa concentrazione di polline relativa.

In ogni caso tutti gli allergologi raccomandano l’uso delle mascherine da anni, indipendentemente dal virus per ripararsi dal polline e concordano sul fatto che il primo fattore di infezione sia il contatto interpersonale.

Quello che adesso si cerca di capire in maniera più approfondita se il polline indebolisca il sistema immunitario, facilitando il contagio da Coronavirus.

Nel settembre 2019, la scienziata Stefanie Gilles ha pubblicato un articolo scientifico sulla relazione tra la concentrazione di polline e due virus respiratori, i rinovirus (causa del comune raffreddore) e il virus respiratorio sinciziale e ha rilevato che la replicazione virale sia nelle cellule umane che in quelle dei topi esposte a polline e a rinovirus sia significativamente aumentata.

Stefanie Gilles, ricercatrice all'Università di Monaco di Baviera ha spiegato il fenomeno in questo modo: “Il polline è conosciuto principalmente come un allergene, ma quello che abbiamo studiato è come colpisce anche le persone non allergiche. Sappiamo, ad esempio, che se spruzziamo estratto di polline di betulla sul naso di persone non allergiche, molti geni coinvolti nella difesa contro i virus vengono deregolamentati, il che implica che la risposta immunitaria antivirale è ridotta ”. Non si sa ancora quale componente pollinico sia la causa, "ma sappiamo che non è la stessa che provoca allergie".

Gilles ha sottolineato che questo elemento sconosciuto "causa una minore produzione di interferoni antivirali durante un'infezione virale". Inoltre è ancora da approfondire se ciò che si è osservato in due virus respiratori sarebbe valido per il Coronavirus, un altro virus respiratorio”.

Pareri contrastanti sullo studio tra molti virologi. Alcuni però considerano il lavoro di grande importanza. “Sapevamo che durante la stagione dei pollini i nostri pazienti avevano più raffreddori, ma si pensava che fosse un effetto collaterale della reazione allergica. Questo lavoro, tuttavia, evidenzia che il polline elimina la nostra prima linea di difesa sia che tu sia allergico o meno ”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    pollinecoronaviruscontagistudio
    in evidenza
    Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

    La Divina vuota il sacco

    Gravidanza e bacio a Rosolino
    Fede Pellegrini, la verità

    i più visti
    in vetrina
    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

    Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.