A- A+
Medicina
Dislessia, trovata le causa della dislessia: è nell'occhio umano e si corregge

Dislessia, scoperte le cause: la dislessia è nell’occhio umano e si può correggere

 

Dislessia, le cause della dislessia potrebbero essere nell’occhio umano. Ne sono convinti i ricercatori francesi secondo i quali la causa della dislessia sarebbe fisiologica e sarebbe nascosta in piccoli fotorecettori presenti  nell'occhio umano e correggere la dislessia sarebbe possibile.

Lo studio sulla dislessia è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B spiega come nei dislessici alcune cellule fotorecettrici  sono disposte negli occhi in maniera simmetrica in entrambi gli occhi, mentre nelle persone senza questo disturbo questi fotorecettori sono disposti in maniera asimmetrica.

La disposizione simmetrica di questi fotorecettori in entrambi gli occhi potrebbero confondere il cervello generando immagini a specchio, mentre nelle persone non dislessiche la disposizione asimmetrica delle cellule permette che l’immagine di un occhio venga sovrascritta dall'altra per creare una singola immagine nel cervello.

 

Le cause della dislessia: la dislessia è nell’occhio umano. Dislessia come riconoscerla

 

Guy Ropars dell'Università di Rennes, co-autore dello studio, ha così dichiarato:  

“Le nostre osservazioni ci portano a credere di essere davanti ad una potenziale causa di dislessia. Il test per riconoscere la dislessia sarebbe anche relativamente semplice, basterebbe analizzare gli occhi di una persona.”

 

Come correggere la dislessia? Scoperto il modo per correggere la dislessia

 

Si può correggere la dislessia? Si, la dislessia si può corregge. Continua Ropars: “È stato inoltre scoperto anche un ritardo (di circa 10 millesimi di secondo) tra l'immagine primaria e l'immagine speculare negli emisferi opposti del cervello che ci permetterebbe di cancellare l'immagine speculare che è così confusa nella gente dislessica”, usando una lampada a LED.

La squadra di ricercatori ha infatti usato una lampada a LED, lampeggiante in modo da essere invisibile all'occhio, per "annullare" una delle immagini nei cervelli dei partecipanti allo studio dislessici durante la lettura. Negli esperimenti iniziali, i partecipanti allo studio sulla dislessia hanno definito la "lampada magica", ha detto Ropars, ma sono necessari ulteriori test per confermare che la tecnica per correggere la dislessia effettivamente funziona.


Dislessia, scoperte le cause della dislessia: lo studio

 

Tutti gli esseri umani hanno un occhio dominante. Avendo due occhi, che registrano versioni leggermente diverse della stessa immagine, il cervello deve selezionare una delle due, creando una “non-simmetria”.
L’occhio dominante ha più connessioni neurali col cervello di quello più debole.

I segnali di immagine vengono catturati con aste e coni nell’occhio. I coni sono responsabili del colore.
La maggioranza dei coni, dei colori primari, si trovano in un piccolo punto al centro della cornea dell’occhio noto come fovea. Ma c’è un piccolo foro di circa 0,1-0,15 millimetri di diametro, senza coni blu.

Nel nuovo studio, gli autori hanno trovato una grande differenza nella disposizione dei coni tra gli occhi delle persone dislessiche e quelle non dislessiche.

Nelle persone non dislessiche, il punto senza cono blu in un occhio, quello dominante, è rotondo e nell’altro occhio ha una forma irregolare.

Nelle persone dislessiche, invece, entrambi gli occhi hanno lo stesso punto rotondo: questo vuol dire che i dislessici non hanno un occhio dominante.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
dislessiacause della dislessiacome correggere la dislessiacome riconoscere la dislessia
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.