A- A+
Medicina
Fast food, una stretta relazione tra un consumo eccessivo ed obesità e diabete

 

Fast Food, una potenziale relazione tra consumo e rischi di obesità e diabete

Uno studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, gli obesi e i diabetici che consumano in fast food oltre il 20% (1/5 del totale) delle loro calorie giornaliere presentano livelli molto alti di grasso del fegato rispetto a chi ne consuma meno o per nulla. E questo porta ad un risultato sorprendente e preoccupante: l’abuso di fast food provoca già più cirrosi dell'alcol. Insieme alla mancanza d’esercizio fisico e ad altri scorretti stili di vita, mangiare fast food porta potenzialmente al rischio di sviluppare diabete o obesità. La comunità scientifica è abbastanza d’accordo sulla relazione tra consumo continuato di fast food e sviluppo della steatosi epatica analcolica (steatosi epatica). E’ una patologia che fa crescere i livelli di grasso nel fegato e può portare, in più stadi avanzati, a cirrosi e cancro del fegato. In America è la principale causa di trapianto del fegato.

 

Fast Food, forte aumento di grasso nel fegato di obesi e diabetici

 

“Un fegato sano contiene normalmente una piccola quantità di grasso (meno del 5%). Un moderato aumento del livello di grasso potrebbe portare a steatosi epatica non alcolica. Siamo rimasti particolarmente sorpresi dal forte aumento del grasso del fegato nelle persone con obesità o diabete- conferma l'epatologo Ani Kardashian, della University of Southern California, autore dello studio- Pensiamo che queste condizioni di salute favoriscano un maggiore accumulo di grasso nel fegato. E questo è preoccupante soprattutto perché ora il consumo di fast food è aumentato notevolmente rispetto agli ultimi 50 anni”. E quello che deve maggiormente preoccupare è che sono i giovani ( più deboli dal punto di vista socioeconomico) quelli che frequentano di più il fast food.

Fast Food, in aumento il consumo di cibi ultra processati

Molti esperti sono convinti che la media della popolazione stia diventando più sedentaria, mangi spesso cibi più processati e ultra processati anche perché il prezzo dei cibi freschi e stagionali è sempre più caro. Se il trend non si fermerà o, peggio, aumenterà, sarà naturate vedere una crescita esponenziale obesità e diabete di tipo 2 . Non esistono farmaci per affrontare questa condizione. Unici rimedi : dieta e esercizio fisico. In particolare la dieta mediterranea, opposto del fast food. Che fare per cambiare la tendenza? Innanzitutto fare educazione sanitaria per spiegare che il fast food non è salutare e che il cibo dovrebbe essere a km 0 e orientato alla dieta mediterranea. Altro problema è che le politiche di sanità pubblica, in quasi tutti i governi europei, non sono progettate e quindi nemmeno preparate da nutrizionisti esperti. Certo è più semplice tassare dimenticando però che il cibo non è solo un bisogno naturale ma ha un valore simbolico e culturale. La gioia di giovani di andare in un fast food non cambia minimamente dicendo loro che fa male alla salute. Bisogna fare qualcosa di più partendo dalla scuola. Purtroppo questo segreto è conosciuto da tutti ma molto meno messo in pratica.

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
diabetefast foodgiovaniobesità




in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.