A- A+
Medicina
Giornata contro violenza sulle donne: la mortale 'sindrome del cuore infranto'

Nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ecco arrivare una nuova scoperta scientifica che aggiunge un tassello preoccupante alla dolorosa questione dei maltrattamenti alle vittime di sesso femminile. I cardiologi di PLACE - Platform of Laboratories for Advanced in Cardiac Experience, un summit in corso a Roma dal 22 al 24 novembre, segnalano con preoccupazione l'insorgenza di un tipo di cardiomiopatia che sembra colpire quasi esclusivamente le donne.

La sindrome da "cuore infranto", il letterario "crepacuore", è una questione del tutto reale e rientra nella sindrome di Tako-Tsubo (o cardiomiopatia da stress), nonché visibile prevalentemente nelle donne in seguito a lutti o eventi traumatici. 

«Nell’anamnesi di molti dei soggetti colpiti è stata evidenziata la presenza di un prolungato stress emotivo, tipico delle situazioni in cui la donna è sottoposta a maltrattamenti e abusi, fisici ma anche psicologici», spiega il professor Leonardo Calò, Direttore Uoc di Cardiologia del Policlinico Casilino e Presidente del Congresso PLACE. «Parliamo di una patologia – spiega il professor Calò – che si manifesta con sintomi molto simili a quelli dell'infarto miocardico, come dolore al petto e affanno improvviso, e che non deve essere sottovalutata poiché, secondo recenti studi, ha un tasso di mortalità analogo a quello dell’infarto».

Il professor Gaita, presidente di PLACE assieme al professor Leonardo Calò, ha voluto dal canto suo puntare i riflettori su questo problema poco segnalato ma a tutti gli effetti dilagante. Abusi e violenze, soprattutto giornaliere nell'ambito delle mura domestiche, sembrano infatti incidere fortemente sulla salute delle donne vittime, tanto da avere effetti devastanti (e riscontrabili scientificamente) sulla funzionalità cardiaca. 

Grazie all'allarme lanciato da PLACE, apprendiamo dunque che gli stessi abusi psicologici, pur non sfociando nelle violenze fisiche tali da lasciare segni visibili sul corpo, hanno potenzialità distruttive a livello fisiologico al punto da portare a scompensi cardiaci e a patologie potenzialmente mortali simili all'infarto. Una nuova prospettiva, inquietante, da cui analizzare il fenomeno dilagante della violenza sulle donne, nonché un monito a prevenire e intervenire tempestivamente (e a denunciare da parte delle vittime) onde evitare effetti a lungo termine sulla salute delle vittime. 

Tags:
giornataviolenzadonneabusicrepacuoreviolenzecardiopatiasindrome di tako-tsubomiocardiopatiainfarto
Loading...
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.