A- A+
Medicina
Le soluzioni della Telemedicina per la nuova sanità del post-Covid
Francesco Bellifemine, direttore della Digital Factory E-Health e Smart City di Exprivia

Telemedicina: assistenza da remoto per i malati Covid l'app eLifeCare di Exprivia tra le cinque soluzioni scelte dalla task force di ‘Innova per l’Italia’

La task force di esperti di teleassistenza medica nell’ambito dell’iniziativa interministeriale ‘Innova per l’Italia’ ha selezionato le cinque migliori app e soluzioni tecnologiche per l’assistenza da remoto dei pazienti in isolamento domiciliare per sospetto o confermato contagio da Covid-19. Tra le prescelte, su 504 proposte, l'app 'eLifeCare Covid-19’ di Exprivia, che ha aderito alla call to action del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione.


La soluzione elaborata da Exprivia - unico operatore ICT in Italia con qualificazione SaaS per le soluzioni negli ambiti radiodiagnostico e di telemedicina in cloud - è un dispositivo medico certificato che acquisisce e monitora da remoto i parametri vitali del paziente necessari a comprenderne lo stato di salute.

Mediante una app - disponibile su dispositivi Android (presto anche su iOS) - e apparecchi medicali IoT, ‘eLifeCare’ telemonitora la persona malata attraverso la misurazione della temperatura corporea, la rilevazione della saturazione di ossigeno nel sangue e la frequenza del battito cardiaco grazie alla tecnologia bluetooth.


Una centrale operativa h24 comunica con il paziente a casa in totale sicurezza tramite le varie funzionalità offerte dalla piattaforma ‘eLifeCare’ (chiamata audio-video o chat), che permettono la consultazione del piano di cura. Qualora il quadro clinico non rientrasse nella normalità, viene generato un alert alla centrale operativa con l’indicazione delle azioni da intraprendere. La centrale operativa può quindi contattare il paziente o il caregiver indicato, attivare una videochiamata con il medico curante, oppure inviare una squadra di soccorso. Il medico, allertato dalla centrale operativa, ha a disposizione sul suo tablet o smartphone tutti i dati clinici del paziente, come esami, prescrizioni e parametri vitali, per attivare la televisita, prescrivere esami o cure avvalendosi, se necessario, del supporto di un operatore sanitario presente presso il domicilio del paziente.


L’implementazione di ‘eLifeCare’ ha l’obiettivo di limitare il numero dei ricoveri evitando di congestionare le strutture ospedaliere con pazienti non gravi e di gestire la sorveglianza sanitaria anche in fase post emergenziale. Inoltre, l’utilizzo della piattaforma consente di minimizzare il rischio dei contagi degli operatori sanitari, in primis i medici di famiglia, che possono prestare assistenza da remoto.
Del controllo a distanza hanno già usufruito oltre 100 pazienti positivi al Covid-19 in quarantena nella propria abitazione nel Canton Ticino, in Svizzera, dove, grazie alla collaborazione con la start-up HospitHome, il Cardiocentro Ticino, clinica universitaria all’avanguardia e altamente specializzata in Cardiologia, Cardiochirurgia e Cardioanestesia di Lugano, ha trovato in ‘eLifeCare’ un efficace supporto per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

In Italia la piattaforma ‘eLifeCare’ di Exprivia viene già adoperata per l’assistenza domiciliare di pazienti cardiopatici con aritmie severe e portatori di defibrillatori nella ASL pugliese della provincia BAT (Barletta-Andria-Trani).

“Entrare a far parte del progetto ‘Innova per l’Italia’ è un ulteriore passo per rendere la telemedicina italiana una realtà all’avanguardia e il risultato raggiunto da eLifeCare, con la nomina tra le migliori cinque soluzioni in Italia per combattere il Covid, ripaga il lavoro degli ultimi anni impiegato per lo sviluppo della soluzione - spiega Francesco Bellifemine, direttore della Digital Factory E-Health e Smart City di Exprivia.  “Implementando tecnologie già sperimentate in altri contesti, siamo lieti di mettere a disposizione del Sistema Sanitario Nazionale le nostre competenze per sostenere pazienti e personale sanitario nell’assistenza da remoto”.

 

TELEMEDICINA e CRONICITÀ: “Connubio imprescindibile di garanzia di centralità del paziente nella medicina territoriale”
 

Il Covid-19 ha fatto emergere il grave ritardo nella riforma dei servizi territoriali mostrando la necessità di spostare l’assistenza dei malati cronici dall’ospedale al territorio. L’uso della telemedicina è fondamentale per la prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione e monitoraggio. Questo lo scopo del WEBINAR “CRONICITÀ E TELEMEDICINA. LA LEZIONE DI COVID-19”, realizzato da MOTORE SANITÀ, grazie al contributo incondizionato di Daiichi-Sankyo.
 
“Sulla telemedicina siamo in ritardo rispetto agli altri Paesi europei e a quelli nordamericani e le norme approvate in passato non hanno trovato fino ad oggi una realizzazione concreta. La digitalizzazione in sanità va considerata un obbligo, sia per il risparmio che può portare per le casse dello Stato sia per i grandi vantaggi per il paziente e per la professione medica: con la telemedicina sono realizzabili la gestione
domiciliare di pazienti e l’ospedalizzazione domiciliare. La frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, la saturimetria e il peso potranno essere monitorati agevolmente, e sappiamo bene quanto nelle malattie croniche il controllo di pochi parametri elementari possa consentire di ridurre moltissimo il ricorso alle cure dell’ospedale. Dunque, un importante vantaggio anche per il funzionamento del Sistema sanitario".

"Tuttavia, negli ultimi anni su questo fronte non sono stati fatti passi avanti: l’atto di indirizzo di 7-8 anni fa non è stato seguito da norme cogenti. Il fatto che la sanità non stia utilizzando la telemedicina come dovrebbe è purtroppo una perdita economica importante ma soprattutto è una perdita per quella che oggi si chiama la medicina personalizzata. È la telemedicina il tema del 12° rapporto pubblicato a fine aprile dall’Istituto superiore di sanità e disponibile sul sito istituzionale dell’ISS. Il rapporto intitolato “Indicazioni ad interim per servizi assistenziali di telemedicina durante l’emergenza sanitaria COVID-19” affronta il tema
dei servizi assistenziali di telemedicina durante l’emergenza sanitaria offrendo indicazioni, individuando problematiche operative e proponendo soluzioni valide dal punto di vista scientifico, ma anche pratiche e attuabili in modo semplice. In realtà la medicina digitale tutta e le sue applicazioni in telemedicina in particolare hanno avuto un grande impulso dalle restrizioni operative connesse al COVID-19. Mai come adesso quindi possiamo pensare al futuro molto positivamente e, parafrasando quanto pubblicato da molte riviste scientifiche delle ultime settimane, affermare che: il futuro è adesso”, ha detto Gianfranco Gensini, Direttore Scientifico dell’IRCCS MultiMedica Milano e Presidente Società Italiana di Telemedicina.
 
“L’emergenza COVID, tutt’altro che conclusa, ha posto il nostro Sistema Sanitario ad uno “stress test” che ne ha messo a nudo le principali fragilità. Con questo non mi riferisco tanto alla rete ospedaliera che, sebbene caratterizzata da limiti strutturali e tecnologici, ha saputo reagire bene e, pur a fronte di enormi sacrifici da parte del personale sanitario, ha saputo riorganizzarsi realizzando, in tempi brevissimi, un cambiamento straordinario e capace di fronteggiare la crisi. La vera fragilità è emersa sul territorio. Ossia laddove era opportuno e necessario concentrarsi per contrastare con efficacia il diffondersi del virus e per assicurare terapie e monitoraggio alle persone positive che non necessitavano di ricovero ospedaliero. È chiaro che la debolezza dei settori della prevenzione e dell’assistenza primaria ha determinato, per la rete ospedaliera, compiti ancor più gravosi per il successivo trattamento di persone non intercettate tempestivamente come positive o che, in ogni caso, hanno visto peggiorare le loro condizioni di salute, in solitudine, presso il loro domicilio. Non apprendere questa magistrale lezione, significa non dar valore ai tanti decessi che abbiamo registrato nel Paese e, in particolare, a quelli che si sono registrati tra il personale sanitario".

"Il potenziamento del territorio, tuttavia, va immaginato nella consapevolezza che il COVID ha cambiato per sempre i paradigmi fondamentali sui quali si è basata e organizzata, tanto sul territorio quanto in ospedale,
il nostro sistema sanitario. La sfida consiste nell’identificazione di strategie capaci di assicurare, al contempo, continuità di cura e assistenza ai pazienti (COVID e no-COVID) riducendo all’essenziale il passaggio fisico nelle strutture sanitarie includendo, in questo concetto, anche gli studi dei MMG. La telemedicina sembra lo strumento più idoneo per perseguire questo obiettivo anche se, va sempre ricordato, la tecnologia resta solo uno strumento a disposizione e non il fine di un processo di cambiamento che, prima di tutto, deve essere culturale e, poi, organizzativo. Anche il ruolo del cittadino/paziente cambia radicalmente per trasformarsi da soggetto passivo che, solo in caso di peggioramento del suo stato di salute, si rivolge al sistema sanitario a ruolo attivo e consapevole nella gestione del proprio stato di salute. L’augurio è che di questi temi non ci si limiti solo a parlarne per cominciare davvero presto a vedere i segni tangibili di quel cambiamento che il nostro Sistema Sanitario ha da tempo bisogno e che l’emergenza COVID oggi ci impone”, ha detto Giorgio Casati, Direttore Generale ASL Latina.



 

Commenti
    Tags:
    telemedicinacovidelifecareexpriviainnova per l'italia
    Loading...
    in evidenza
    Patrik Schick, gol da antologia La sensuale Krystina festeggia

    Euro2020 show

    Patrik Schick, gol da antologia
    La sensuale Krystina festeggia

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.