A- A+
Medicina
Mascherine per il Covid-19: come evitare che la dermatite seborroica s'aggravi
Le mascherine proteggono dal Covid-19, ma possono dare irritazione. Il problema si complica per chi già soffre di dermatite seborroica

Mascherine e dermatite seborroica: problematiche e rimedi. Ne parla Antonino Di Pietro, Fondatore e Direttore Scientifico Istituto Dermoclinico Vita-Cutis

L’uso delle mascherine è una delle principali misure messe in atto per contenere la diffusione del Covid-19. Ma l’utilizzo prolungato di queste protezioni può determinare una serie di problematiche alla pelle, come l’insorgenza di funghi o fastidiose irritazioni.

La questione si complica in caso di dermatite seborroica, ma adottando semplici quanto utili accortezze, si può comunque correre ai ripari, evitando ulteriori peggioramenti. Per questo è importante usare prodotti a base di Alukina, la cui utilità in caso di dermatite seborroica è stata ampiamente dimostrata da uno studio scientifico pubblicato sul Journal of Plastic Dermatology.

La dermatite seborroica è una comune condizione infiammatoria della pelle che si manifesta sulle aree della cute molto ricche di ghiandole sebacee, come il viso, il torace, il cuoio capelluto. È una patologia molto comune, interessando l'1-3% della popolazione mondiale. Il 90% dei casi è riscontrato nella civiltà occidentale, il 6% nel continente africano e il restante 4% nel resto del mondo.

I maschi sono più colpiti delle femmine e i picchi si verificano durante l'età infantile e adolescenziale, attorno ai 30 anni nei maschi e ai 40-50 anni nelle femmine.

I sintomi consistono in macchie screpolate o untuose, arrossamenti, prurito, formazione di piccole croste sia sulla pelle che sul cuoio capelluto, chiamate anche comunemente forfora. Si tratta di una malattia cronica, anche se i sintomi hanno un andamento intermittente, ad esempio aumentano con il clima freddo e secco o lo stress e si attenuano in estate.

prof Di pietroIl Prof. Di Pietro
 

“Questa patologia si sviluppa soprattutto su viso, cuoio capelluto, sopracciglia, pieghe delle orecchio e lati del naso”, dichiara Antonino Di Pietro, Fondatore e Direttore Scientifico Istituto Dermoclinico Vita-Cutis. “Interessa insomma le zone del corpo ricche di ghiandole sebacee, ma negli uomini può colpire anche torace, pieghe dei gomiti e ginocchia. I sintomi della dermatite seborroica sono facilmente riconoscibili come desquamazione che può evolvere con croste bianco/giallognole al rossore; dal prurito fino alla infiammazione e pelle untuosa”.

In tutti questi casi si è rivelata particolarmente utile l’Alukina, un composto polifunzionale costituito da un insieme di sostanze naturali specifiche - come allume di rocca, acido glicirretico e retinil palmitato (vitamina A) - che agiscono sulla cute in maniera sinergica. L‘efficacia è dimostrata da uno studio scientifico condotto su un numero significativo di individui di età compresa tra i 25 e i 60 anni, accuratamente selezionati tra soggetti che non stavano seguendo alcun trattamento cosmetico o terapeutico contro la dermatite seborroica da almeno un mese. “I risultati ottenuti sono stati decisamente positivi – continua Di Pietro - dopo un’applicazione locale di Alukina durata 14 giorni, il trattamento ha evidenziato una remissione completa dei segni della dermatite stessa. In alcuni individui è stato possibile notare un sensibile risultato già dopo una sola settimana di applicazione regolare”.

Già estremamente delicata di per sé, la cura della pelle affetta da dermatite seborroica diviene una prassi da svolgere con particolare attenzione in questo periodo in cui si è costretti a indossare la mascherina per contenere la diffusione del Covid-19.

Il primo importante accorgimento contro questa patologia consiste nell’usare prodotti in grado di rispettare il film idrolipidico, così da non sminuire il corretto livello di protezione di cui la pelle necessita. “Esiste oggi in commercio una crema, contenente appunto Alukina – conclude Di Pietro - che porta generalmente a ottimi risultati per questo tipo di problematiche. Il prodotto svolge infatti un’azione lenitiva ed emolliente. Per di più, agisce come supporto agli inestetismi associati alle alterazioni quali-quantitative del sebo che sono causa di arrossamenti, prurito e desquamazione”.

dermatite 2Manifestazioni della dermatite seborroica nelle zone a contatto con la mascherina anti-Covid
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riferimenti

1- The Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology. 2012 Apr; 26(4):524-6. doi: 10.1111/j.1468-3083.2011.04079.x. Epub 2011 Apr 27. Seborrheic dermatitis: lifetime detection rates I. Palamaras, K. P. Kyriakis, N. G. Stavrianeasrates - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21521374/

 

Commenti
    Tags:
    mascherine covid-19dermatite seborroicaalfasigmaantonino di pietrovita-cutis
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

    Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.