A- A+
Medicina
Perché si scatena il singhiozzo: cause e rimedi

Singhiozzo: cause, miti da sfatare e rimedi per superare uno dei disturbi più comuni e fastidiosi

C'è chi ne viene colpito spesso, chi invece molto di rado, chi ne è più disturbato e chi meno. Tutti, però, prima o poi siamo costretti ad averci a che fare. Stiamo parlando del singhiozzo. Essendo così comune pensiamo di conoscerlo bene, di sapere cos'è e come fare per farlo passare, ma spesso attorno a questo problema sono sorte delle leggende e dei rimedi che si sono rivelati null'altro che miti da sfatare. Proviamo a capire veramente in cosa consiste e cosa fare per farlo passare.

Cos'è il singhiozzo: le cause

Il singhiozzo non è altro che la contrazione involontaria del diaframma, accompagnata solitamente da un rumore prodotto dalla chiusura della glottide, quel tipico "hic" che può durare pochi secondi o diversi minuti. 

Ci sono molte potenziali cause di un caso di singhiozzo persistente, tra cui alcune legate all'alimentazione, alla disidratazione, al fumo, all'ansia o a un'infezione respiratoria. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la motivazione è sconosciuta o difficile da decifrare.

Ad ogni modo, il singhiozzo porta con sé delle contrazioni ripetute e involontarie del diaframma, causate dall'irritazione del nervo frenico, ovvero quel nervo che svolge la funzione di controllo sul comportamento del muscolo legato ai fenomeni di inspirazione ed espirazione.

Nonostante la causa non sia facilmente rintracciabile, alcuni studi hanno notato che può essere innescato soprattutto quando mangiamo e beviamo troppo o troppo in fretta, quando passiamo rapidamente da una temperatura calda a una fredda, quando ingeriamo troppi alcolici o quando ci troviamo in forte disagio.

Nella maggior parte dei casi, il singhiozzo è un problema innocuo e noioso che si risolve da solo. Tuttavia, in alcuni casi, può essere un segno di qualcosa di più serio. Se accompagnato da altri sintomi, come dolore al petto, difficoltà a respirare o sentimenti di ansia o panico, è importante consultare un medico.

Come far passare il singhiozzo: i rimedi più comuni

Ci sono molti modi per liberarsi di un fastidioso caso di singhiozzo. Eccone alcuni strani (ma efficaci). Il migliore di tutti veniva consigliato già oltre duemila anni fa da Ippocrate, il padre della medicina moderna. Consiste semplicemente nell’aspirare profondamente e rimanere in apnea per un periodo di tempo tra i dieci e i venticinque secondi, per far rilassare il diaframma.

In alternativa suggeriamo di ingoiare un cucchiaio di zucchero, in quanto questo dolcificante ricopre la gola e aiuta ad arrestare il fenomeno. O ancora possiamo bere un bicchiere d'acqua a piccoli sorsi, assumere un cucchiaino d'aceto o di succo di limone puro. In alternativa, è possibile anche stimolare uno starnuto, ma a volte può bastare anche solo succhiare una caramella. Di certo tutti questi rimedi sono più efficaci del classico “spavento”.

Se hai provato di tutto e il tuo singhiozzo non si arresta, è necessario però chiedere consiglio al tuo medico. Potrebbe esserci condizione sottostante, e sarebbe il caso di effettuare dei controlli per rilevarla in tempo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
apneamedicinasalutesinghiozzo




in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.