A- A+
Medicina
Vaccini,”two are better than one” il consiglio del CTS del Canada

“Two vaccines are better than one” è la conclusione a cui è arrivata l’agenzia di sanità pubblica canadese. Il massimo organismo della salute, il nostro CTS, ha infatti confermato che i canadesi, se lo desiderano, possono mescolare i vaccini COVID-19.

E questo potrà sicuramente aiutare i casi in cui la carenza di forniture locali o problemi di salute non permettano di completare il ciclo vaccinale con due dosi.

Le nuove raccomandazioni arrivano dopo le criticità collegate al vaccino AstraZeneca e ai rari ma gravi coaguli di sangue. E’ curioso che AstraZeneca non sia autorizzato negli Stati Uniti, mentre lo è il vaccino Johnson & Johnson, ugualmente un vaccino a vettore virale.

Già molte province canadesi hanno cominciato a mescolare i vaccini, soprattutto in presenza di carenza di forniture.

Ma in questa decisione è contata pure l’opinione dei canadesi,  tradizionalmente tenuta in grande considerazione. Uno studio di fine aprile infatti ha rilevato che oltre il 90% dei cittadini si sente tranquillo con i vaccini Pfizer o Moderna, ma solo il 52% lo è con AstraZeneca. Sia Pfizer che Moderna sono vaccini mRNA.

Sulla base delle prove disponibili il presidente del CTS canadese ha raccomandato che chi ha ricevuto la prima dose con AstraZeneca possa ricevere un vaccino mRNA per la seconda dose.

A sostegno di questa raccomandazione l’agenzia ha portato uno studio realizzato in Germania e alcuni studi clinici nel Regno Unito e in Spagna. Due vaccini sono dominanti sia negli Stati Uniti che in Canada e sono Pfizer-BioNTech e Moderna.

Questi vaccini, secondo il comitato consultivo canadese, possono essere considerati intercambiabili tra la prima e la seconda dose.

I funzionari sanitari sperano che il nuovo protocollo possa aiutare a colmare l’ampia lacuna nel programma di vaccinazione. Infatti alla fine di maggio, il 50,6% della popolazione canadese aveva ricevuto una dose, ma solo il 4,6% della popolazione era stato completamente vaccinato.

"Questo non è un concetto nuovo", ha detto il gruppo consultivo della pratica nota come vaccinazione eterologa. In passato, il gruppo ha aggiunto che “Diversi prodotti vaccinali sono stati utilizzati per completare una serie di vaccini per l'influenza, l'epatite A e altre malattie”.

Diversi paesi europei hanno già incoraggiato le persone che hanno ricevuto un primo vaccino AstraZeneca a fare il secondo vaccino Pfizer o Moderna, tra cui Francia, Spagna e Germania.

Oltre a ridurre potenzialmente la riluttanza ai vaccini, la combinazione di vaccini potrebbe anche portare altri benefici.

Secondo diversi esperti sanitari fondamentalmente, tutti i vaccini funzionano mostrando al sistema immunitario delle persone qualcosa che sembra un virus invasore ma in realtà non lo è. Se il vero virus dovesse mai arrivare, il loro sistema immunitario lo riconoscerà e sarà pronto a combatterlo.

"Utilizzare due vaccini diversi è un po' come dare al sistema immunitario due immagini del virus, magari una di fronte e una di profilo".

Gli Stati Uniti non stanno seguendo l'esempio, in parte perché la Food and Drug Administration non ha autorizzato il vaccino AstraZeneca e secondo perchè non esiste carenza nel paese. E a differenza di quel vaccino, Johnson & Johnson richiede solo una singola dose.

Quando è stato chiesto un commento sulla strategia di miscelazione dei vaccini, un portavoce della FDA ha citato la mancanza di dati sull'intercambiabilità del vaccino con altri vaccini COVID-19 e ha detto che "Gli individui che hanno ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna COVID-19 dovrebbero ricevere una seconda dose dello stesso vaccino per completare la serie di vaccinazioni".

E il tutto per aumentare la confusione nella testa non solo dei canadesi ma di tutti i cittadini del mondo.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    canadapfizerastrazenecamoderna
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.