A- A+
Auto e Motori
Tavares politicizza il futuro dell'automobile a "L'Événement" su France 2
Stellantis chiede di riscrivere gli accordi per la Brexit. Foto Lapresse

Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha partecipato al programma "L'Événement" su France 2, affrontando vari responsabili politici in un acceso dibattito.

In vista delle elezioni europee del prossimo 9 giugno, come riporta Journalauto.com Tavares ha discusso dei rischi economici legati alla Cina e ha difeso le sue decisioni strategiche, inclusa l'importazione di veicoli Leapmotor.

Confrontandosi con Aurélien Pradié (Les Républicains) e Clémence Guetté (La France Insoumise), Tavares ha rapidamente affrontato critiche sul suo livello di retribuzione, che potrebbe ammontare a 36 milioni di euro all'anno. "Se i risultati di Stellantis fossero stati quelli dei nostri concorrenti, il mio stipendio sarebbe stato più ridotto", ha risposto, sottolineando che il 90% della sua retribuzione dipende dai risultati aziendali.

Il Rischio delle Barriere Doganali

Tavares ha espresso scetticismo riguardo al rischio di un ritiro economico causato dall'innalzamento delle barriere doganali. Ha avvertito che una simile mossa potrebbe creare "una bolla intorno a un mercato" portando a una "enorme inflazione all'interno della bolla", danneggiando il potere d'acquisto delle classi medie e aumentando il ritardo tecnologico dei costruttori locali rispetto ai concorrenti globali.

Il leader di Stellantis ha anche reagito all'annuncio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che il giorno prima aveva proposto di quadruplicare le tariffe sulle auto cinesi. Tavares teme che questa decisione possa spingere le grandi regioni del mondo a costruire fortezze doganali, una prospettiva negativa per un gruppo globale come Stellantis.

Difesa dell'Importazione di Leapmotor

Tavares è stato criticato dai candidati per il suo progetto di importare auto cinesi in Europa, accusato di "far entrare il lupo nell'ovile". Ha difeso la scelta spiegando che "tutte le auto esportate da Leapmotor saranno esportate attraverso un'azienda controllata da Stellantis", assicurando che i profitti rimarranno in Europa e contribuendo all'economia locale.

Ha sottolineato che l'importazione di Leapmotor mira a "rendere i veicoli elettrici accessibili per le classi medie europee", contrastando le accuse di favorire i marchi cinesi. Tavares è noto per le sue critiche alle istituzioni europee, che accusa di "alzare il tappeto rosso ai marchi cinesi".

Advocacy per una Nuova Ondata di Consolidamento

Tavares ha difeso l'idea di un consolidamento a livello europeo, necessario per competere con Cina e Stati Uniti. "Non potremo correre con la Cina o gli Stati Uniti se non facciamo un ulteriore passo di consolidamento a livello europeo", ha affermato, chiedendo anche una semplificazione amministrativa.

L'architetto del gruppo Stellantis, nato dalla fusione tra PSA e Fiat Chrysler, ha predetto che il mondo conterà solo cinque costruttori entro una decina d'anni, una premonizione che invita a riflettere sul futuro dell'industria automobilistica.

Con queste dichiarazioni, Carlos Tavares continua a essere una voce influente e controversa nel dibattito sul futuro dell'automobile, mettendo in luce le complesse sfide e opportunità che l'industria dovrà affrontare nei prossimi anni.






in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista



motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.