A- A+
Politica
Cartabia, la legge non è uguale per tutti: procure in ordine sparso

Legge Cartabia, procure in tilt: c’era una volta la determinatezza...

Premessa. “U Siccu” è stato arrestato: Matteo Messina Denaro ha terminato i suoi di 30 anni di latitanza nella clinica privata “La Maddalena” di Palermo e mentre il presidente del Consiglio Giorgia Meloni pensa alla nascita di una eventuale giornata nazionale per ricordare le vittorie dello Stato (perché per le vittime ve ne sono in abbondanza), vi è un gran polemica sull’utilizzo o meno delle intercettazioni per i vari tipi di reato.

La lotta alla criminalità è l’argomento, dunque, di questi giorni ed è proprio da queste considerazioni che, sviluppando analisi puntuali della riforma Cartabia e della sua relativa applicazione sul territorio, sono apparse delle discrasie e delle incongruenze tra le varie procure d'Italia. O, meglio, sull’interpretazione che le procure fanno della riforma.

È chiaro, oramai, che questa ha creato scompiglio nell'organizzazione della giustizia italiana e lo dimostrano le diverse direttive stilate dai procuratori dalle rispettive procure. Sembra, infatti, che ognuno abbia interpretato in maniera differente e per parti differenti le modifiche introdotte dal 1 gennaio 2023.

In particolar modo la polizia giudiziaria ha ricevuto direttive diverse a seconda della procura e a seconda della latitudine. In questo modo sembra però venir meno uno dei principi fondamentali delle norme: la determinatezza, ossia l’aspetto fondamentale che caratterizza la norma e che rende la legge uguale per tutti.

Per entrare nel vivo della questione, le polizie giudiziarie si sono trovate di fronte alla valutazione per singola procura di omologare o meno la procedura relativa alla convalida delle perquisizioni secondo l’articolo 352 del codice di procedura penale a tutte le altre attività di perquisizione riferite alle leggi speciali.

Tali difformi direttive (si pubblicano estratti delle procure di Brescia, Milano, Napoli, Tivoli e Trani) hanno mandato in tilt le attività di polizia giudiziaria che, a seconda delle varie province d’Italia, opera con incertezza e riserva rispetto alle proprie attività.

Appare forse necessario, quindi, un intervento del ministro della Giustizia Carlo Nordio e del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, al fine di riformare le attività di polizia giudiziaria in tutte le procure d’Italia facendo chiarezza su quale fosse il vero intento della riforma Cartabia. Nella consapevolezza che tali attività sono fondamentali al contrasto della criminalità comune e organizzata nonché alla garanzia dell’ordine e della sicurezza pubblica.

ESTRATTO DELLA DIRETTIVA DELLA PROCURA DI MILANO

LEGGI QUI IL DOCUMENTO COMPLETO

estratto procura Milano
 

ESTRATTO DELLA DIRETTIVA DELLA PROCURA DI BRESCIA

LEGGI QUI IL DOCUMENTO COMPLETO

estratto procura Brescia
 

ESTRATTO DELLA DIRETTIVA DELLA PROCURA DI NAPOLI

LEGGI QUI IL DOCUMENTO COMPLETO 

estratto procura Napoli
 

ESTRATTO DELLA DIRETTIVA DELLA PROCURA DI TIVOLI

LEGGI QUI IL DOCUMENTO COMPLETO

estratto procura Tivoli
 

ESTRATTO DELLA DIRETTIVA DELLA PROCURA DI TRANI

LEGGI QUI IL DOCUMENTO COMPLETO

estratto procura Trani
 

LA DIRETTIVA DELLA PROCURA DI BARI. LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cartabiariforma cartabia





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Jeep Wrangler 2024 e 4xe, debutta la campagna globale “Famous for Freedom”

Jeep Wrangler 2024 e 4xe, debutta la campagna globale “Famous for Freedom”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.