A- A+
Politica
Che cos'è il Consiglio di Stato e chi lo compone

Consiglio di Stato cos è: scopri tutti i dettagli su questo organo ausiliaro che si pone come ente terzo rispetto alla PA

Il Consiglio di Stato è un organo previsto dall'articolo 100 della Costituzione inserito negli organi ausiliari del Governo. Ha una doppia natura amministrativa e giurisdizionale. E' inoltre in posizione di terzietà rispetto alla pubblica amministrazione come previsto dall'articolo 103. La sua sede è Palazzo Spada a Roma.

Consiglio di Stato cos è

Il Consiglio di Stato è l'organo supremo di consulenza giuridico-amministrativa del Governo, delle Camere e delle Regioni. Come organo di giurisdizione amministrativa invece è preposto alla tutela degli interessi legittimi, come indicata dalla legge, anche dei diritti soggettivi dei privati nei confronti della pubblica amministrazione.

Consiglio di Stato componenti

Il Consiglio di Stato si compone di:

  • Consiglio di Presidenza
  • Presidente - viene designato dal plenum del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa. Successivamente viene nominato con decreto del Presidente della Repubblica su delibera del Presidente del Consiglio. Attualmente il ruolo è coperto da Franco Frattini
  • Presidente aggiunto
  • Segretario generale
  • Adunanza generale (in sede consultiva)
  • Adunanza plenaria (in sede giurisdizionale)

Le sezioni consultive sono composte da 2 Presidenti e almeno 9 consiglieri. Le sezioni giurisdizionali sono composte da 2 Presidenti e almeno 12 consiglieri.

I posti vacanti per la qualifica di Consigliere di Stato vengono conferiti, ai sensi dell'articolo 19 della legge 27 aprile 1982, n. 186, nella seguente modalità:

  • in ragione delle metà ai consiglieri del tribunale amministrativo regionale che ne facciano domanda e che abbiamo almeno 4 anni di effettivo servizio nella qualifica
  • in ragione di un quarto ai professori universitari ordinari di materie guridiche o avvocati che esercitino la professione da almeno 15 anni e siano iscritti negli albi speciali per le giurisdizioni superiori, o a dirigenti generali o equiparati dei Ministeri, degli organi costituzionali e delle altre PA nonché mistrati di Corte d'appello o equiparata. In questo caso la nomina avviene con decreto del Presidente ddella Repubblica su delibera del Consiglio dei Ministri
  • in ragione di un quarto mediante concorso pubblico per titoli ed esami teorico-pratici a cui possono partecipare i magistrati dei tribunali amministrativi regionali con almeno un anno di anzianità, magistrati ordinari e militari con almeno 4 anni di anziani, magistrati della Corte dei conti, avvocati di Stato con almeno un anno di anzianità, funzionari della carriera direttiva del Parlamento con almeno 4 anni di anziani, nonché funzionari delle Amministrazioni di Stato, anche a ordinamento autonomo, e degli enti pubblici con qualifica dirigenziale. Il concorso è indetto dal presidente del Consiglio di Stato nei primi 4 mesi dell'anno e i vincitori ottengono la nomina con decorrenza dal 31 dicembre dell'anno precedente a quello in cui è stato indetto in concorso
Iscriviti alla newsletter
Tags:
consiglio di stato





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.