A- A+
Politica
Pd, il congresso? Ultimo treno. Resa dei conti? Allora rischia di scomparire


Il processo politico a Letta e la resa dei conti nei gruppi dirigenti non ha senso. Serve un bilancio politico sul Partito democratico dalla sua nascita a oggi per capire se ci sono le condizioni per rilanciarlo o se non è l’ora del colpo di spugna avviando la rifondazione di un nuovo, vero partito della sinistra democratica che coltivi l’idea del cambiamento. Tutte le vecchie formule del Pd si sono logorate e sono oggi improponibili e i nuovi candidati non fanno altro che riproporre una minestra riscaldata, peraltro scaduta. Ogni candidato e ogni supporter dei candidati alla segreteria vivono in un proprio mondo nel terrore che il Pd vada a scatafascio, chiusi in una difesa della gestione amministrativa della realtà (i candidati sono principalmente amministratori locali) senza una visione critica dell’esistente, nel gorgo dell’ubriacatura della globalizzazione capitalistica, di fatto chiusi nello status quo. Insistere a dire che, dati del 25 settembre alla mano, gli avversari della destra sono la maggioranza degli elettori, significa non capire il significato della “maggioranza politica” e rendere oggi impensabile la possibilità di costruire a breve un’alternativa di governo, dall’opposizione.

Nato il 14 ottobre 2007 dalle ceneri di Ds ex Pci e Margherita ex sinistra Dc, il Partito Democratico ha mutato via via volto e sostanza: partito del potere per il potere e dei quaquaraquà, da bandiera della classe operaia e dei ceti più deboli a “partito della Ztl”, centro di potere dei ceti borghesi dei quartieri alti. Partito che da quando è nato non è mai riuscito a vincere le elezioni politiche ma è entrato in tutte le maggioranze di governo che si sono formate negli anni successivi al crollo del governo di Berlusconi nel 2011. Adesso il Pd è a un punto di non ritorno, isolato, a terra, fuori gioco. Emblematico che il titolare della tessera N°1 del Pd, l’editore imprenditore Carlo De Benedetti in una recente intervista sul Corriere della Sera ne abbia decretato la fine: “Il Pd ha conquistato la borghesia e ha perso il popolo. E’ un partito di baroni imbullonati da dieci anni al governo senza aver mai vinto un’elezione”.

Che cosa deve fare il Partito Democratico per uscire dalle sabbie mobili, recuperare i voti perduti, estendere il sistema delle alleanze, cambiare la sua natura e la sua struttura? Se si continua a credere nella sacralità del Pd, unico partito depositario della verità, allora non sarà De Benedetti a decretarne la fine, ma gli elettori. L’Italia aveva bisogno di una destra democratica e l’ha trovata con la leadership di Giorgia Meloni. Adesso serve una sinistra democratica, tutta nuova nelle idee, nei fatti, nei gruppi dirigenti. Per il Pd, chiamato a fare un bilancio politico reale in un congresso che non sia solo manfrina e una resa dei conti tra dirigenti, è l’ultimo treno.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
congresso pd





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


motori
Renault: nuova 5 E-Tech Electric: ordinabile in Italia le prime due versioni

Renault: nuova 5 E-Tech Electric: ordinabile in Italia le prime due versioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.