A- A+
Politica
Coronavirus, nuovo lockdown dal 3 giugno. L'ipotesi choc esiste. Eccola
(fonte Lapresse)

Nuovo lockdown a giugno? L'ipotesi sembra un incubo per molti italiani, soprattutto per quelle categorie del commercio e del turismo che con grande fatica stanno solo ora cercando di riaprire dopo più di due mesi di serrata forzata a causa del coronavirus. Ma al ministero dell'Interno, e non solo, stanno già lavorando a diversi scenari tra i quali quello di una risalita del numero di positivi al Covid-19, di ricoveri in terapia intensiva e purtroppo anche di vittime. Da ieri, martedì 19 maggio, quando i numeri hanno evidenziato un raddoppio dei positivi e un incremento dei morti, i dati del contagio, considerando l'incubazione del virus, sono riferiti al periodo successivo al 4 maggio quindi dopo la prima grande riapertura al termine delle lunghe settimane di lockdown.

Fonti parlamentari della maggioranza non escludono affatto l'ipotesi di nuove misure di restrizione che, secondo le ultime indiscrezioni, potrebbero non riguardare però tutto il territorio nazionale. In accordo con le Regioni, il governo potrebbe ad esempio decidere un nuovo lockdown per zone particolarmente colpite dal coronavirus come la Lombardia e il Piemonte (ma non solo), lasciando invece la situazione attuale altrove.

Tra le possibilità c'è ad esempio il ritorno all'autocertificazione per gli spostamenti, il divieto di incontrare amici e parenti e di fare passeggiate oltre alla nuova chiusura di esercizi commerciali appena riaperti. E' evidente che la situazione economica è serissima ma lasciar ripartire la curva del contagio senza intervenire tempestivamente significherebbe avere non solo conseguenze drammatiche sul piano sanitario ma, appunto, anche economico.

Quanto ai tempi del possibile, nuovo, lockdown tutto dipenderà da come andranno i dati in particolare della prossima settimana, quando si vedranno in maniera chiara gli effetti delle riaperture dal 4 maggio. A spaventare molti esponenti del governo e anche i Governatori sono state le tante, troppe, scene di persone, nella maggior parte dei casi giovani, che passeggiano all'ora dell'aperitivo in molti casi addirittura senza mascherina. Un comportamento irresponsabile che potrebbe portare dal prossimo 3 giugno a un nuovo lockdown, almeno in una parte del Paese.

Loading...
Commenti
    Tags:
    lockdownitalia nuovo lockdown coronaviruscoronavirus italia chiude ancoralockdown 3 giugno coronavirus
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid-19 alla gravidanza I calcoli alternativi di Gallera

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid-19 alla gravidanza
    I calcoli alternativi di Gallera

    i più visti
    in vetrina
    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina

    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mercedes Classe E coupe’ e cabrio, ora il look è sportivo

    Nuova Mercedes Classe E coupe’ e cabrio, ora il look è sportivo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.