A- A+
Politica
Diritti tv, salta la norma Lotito. Il governo a gamba tesa sul calcio

La Lega Serie A sostiene l'emendamento Lotito

Sopprimere il comma 5-bis dell'articolo 16 del milleproroghe. E' quanto prevede un emendamento del governo presentato al decreto e che, come annunciato, stralcia la norma che prevedeva, con una serie di paletti, il prolungamento da 3 a 5 anni dei contratti in essere sui diritti tv degli eventi sportivi. La norma, entrata nel provvedimento attraverso un emendamento a prima firma Claudio Lotito riguardava, tra l'altro, Dazn e Sky.

 

La Lega Serie A entra a gamba tesa nel percorso di approvazione del Milleproroghe, che arriva oggi in Senato. L'assemblea dei club di Serie A  definisce «l'ipotesi di proroga di massimo due anni dei contratti in essere con Dazn e Sky per i diritti audiovisivi 2021/2024» come «un’opzione molto utile». Il riferimento è all’emendamento del senatore di Forza Italia, Claudio Lotito (anche patron della Lazio) che appunto prevede questo slittamento. L’ipotesi di proroga, proseguono i presidenti dei club, «in modo non automatico e non vincolante, è strategicamente funzionale allo sforzo che la Lega, con tutte le sue associate, sta portando avanti per garantire la migliore e più efficiente valorizzazione della Serie A per gli anni avvenire».

E qui l’appello rivolto direttamente a Palazzo Chigi e alle Camere: «L'assemblea chiede quindi a Governo e Parlamento di assicurare alla Lega e a tutti gli organizzatori dei campionati di ogni sport professionistico questa opzione, che non ha alcun onere per la finanza pubblica». La Serie A sul finale «si augura che possa essere messa nelle condizioni di perseguire tutte le azioni possibili per valorizzare al meglio l'industria del calcio, i cui proventi e il cui gettito fiscale sostiene tutto lo sport italiano».

Calcio: Casini, sorpresi da no del Governo a proroga diritti tv - "Il Governo ha presentato un emendamento soppressivo. Siamo sorpresi perché è una misura che tutta l'assemblea oggi ha ricordato che non ha oneri per la finanza pubblica. È molto utile per quello che sarà il nuovo bando per i diritti tv, quindi siamo sorpresi di questo cambio di direzione perché l'emendamento era della maggioranza". Lo ha detto il presidente della Lega Serie A Lorenzo Casini, all'uscita dell'assemblea dei club. "Siamo curiosi di capire che cosa è successo, perché è una proroga tecnicamente, quindi non ci sono problemi da questo punto di vista. Non costa, non è automatica, è stata riformulata anche dal Governo stesso, quindi siamo curiosi di capire cosa sta succedendo - ha proseguito -. Le posizioni di Sky e DAZN? Non è una norma a favore di qualcuno, ma a favore di migliori procedure e negoziazioni. È un peccato che quando ci sono norme utili siano strumentalizzate da una parte o dall'altra".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
diritti tv calcio milleproroghe lotito decreto





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.