A- A+
Politica
Dl migranti, via libera dal Senato. Meloni ferma il blitz della Lega

Dl migranti: via libera del Senato, ora passa alla Camera

Via libera dal Senato al decreto con le misure sui flussi di ingresso legale dei lavoratori stranieri e di prevenzione e contrasto all'immigrazione irregolare. I voti a favore sono stati 92, i contrari 64, nessun astenuto. Il provvedimento, varato dal Consiglio dei ministri riunitosi a Cutro nei giorni successivi al drammatico naufragio di una barca di migranti, ora passa alla Camera dove dovrà essere convertito in legge entro il 9 maggio.

L’Assemblea di Palazzo Madama ha approvato diversi emendamenti, tra cui alcuni dell'Esecutivo. Tra gli altri, è stato approvato un emendamento di maggioranza, non senza qualche tensione al suo interno, con una stretta sulla protezione speciale. Dopo una riformulazione chiesta dai presentatori in Aula, sono stati fatti salvi gli obblighi internazionali.

Reintrodotto, anche con l'intervento di Palazzo Chigi, il riferimento al rispetto dei trattati internazionali 


Tensione nella maggioranza sul decreto Cutro. Alla fine di una giornata convulsa, l'emendamento sulla stretta alla protezione speciale per i rifugiati - che era stato prima riformulato e poi accantonato - è stato approvato al Senato dopo una nuova modifica del testo. Reintrodotto, anche con l'intervento di Palazzo Chigi, il riferimento al rispetto dei trattati internazionali a cui l'Italia è obbligata che la Lega aveva fatto eliminare. Evitati i rischi di incostituzionalità che avrebbero portato il presidente dell Repubblica a non firmare il provvedimento.

A quanto si racconta, la Lega avrebbe alzato la posta chiedendo, e ottenendo, di eliminare nell'emendamento sulla protezione speciale qualsiasi riferimento ai trattati internazionali che sovrintendono a questa misura. Un dato che ha alzato la tensione, mai sopita, con il partito di Giorgia Meloni, Fratelli d'Italia. E messo in allarme il governo dopo le interlocuzioni dei giorni scorsi a livello di uffici tra palazzo Chigi e Quirinale anche sulla necessità di non eliminare i riferimenti ai trattati internazionali che il nostro Paese ha firmato in materia per evitare i rischi di incostituzionalità delle nuove misure che porterebbero il capo dello stato - si spiega sempre in ambienti parlamentari - a non firmare il nuovo provvedimento.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
decreto cutro





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.