A- A+
Politica
Elezioni europee sondaggi vietati. FdI, Pd, M5S, Lega e... Ultimissimi rumor
Schlein Conte Meloni Salvini Tajani Calenda

Elezioni europee, FdI punta a tenere il 26%. Ottimismo nel Pd. E...

 

Una settimana all'apertura delle urne per le attese elezioni europee. Come noto, la diffusione dei sondaggi è vietata ma all'interno dei partiti continuano a ragionare e a studiare i trend. Il punto di partenza sono i dati delle Politiche del settembre 2022.

In casa Fratelli d'Italia ormai nessuno più parla del 30%, ipotesi remota, e, come ha detto più volte Giorgia Meloni l'obiettivo che sembra alla portata di mano è confermare il 26%. Ma qualche timore di restare sotto questa percentuale, anche se non di molto, c'è. 

Restando nel Centrodestra si respira un cauto ottimismo in casa Lega. Matteo Salvini punta a superare il magro risultato delle Politiche anche se in molti sperano che il dato del Carroccio sia a doppia cifra è soprattutto che la Lega rimanga la seconda forza della coalizione di maggioranza davanti a Forza Italia. Tre gli elementi che fanno sperare Salvini: la candidatura del generale Roberto Vannacci che potrebbe rubare voti di destra a FdI, l'autonomia regionale che verrà votata alla Camera subito il voto come "regalo" soprattutto all'elettorato veneto e il popolarissimo piano Salva-Casa di Salvini abilmente approvato come decreto e subito in vigore poco prima delle elezioni. 

Antonio Tajani continua a parlare del 10% come obiettivo ma la bufera giudiziaria ligure che ha travolto il Governatore Giovanni Toti potrebbe penalizzare Noi Moderati alleati degli azzurri. Resta l'obiettivo 10% ma qualche timore comincia a serpeggiare.

Nel quartier generale del Pd si conferma l'ottimismo nonostante le polemiche per le parole del candidato indipendente Marco Tarquinio sulla "Nato da superare". L'obiettivo del 20% - dicono in casa Dem - è alla portata di mano e qualcuno spera anche nel 21-22% avvicinandosi di molto a FdI.

Nel Movimento 5 Stelle sono sicuri di andare molto bene al Sud intercettando il voto degli orfani del reddito di cittadinanza, ma sanno anche che al Nord la situazione è ben diversa. E quindi è tramontata la speranza di superare il Pd e il Partito di Giuseppe Conte si accontenterebbe del 15%. Sotto questa percentuale sarebbe un risultato deludente.

Tra le altre formazioni, ottimismo in Stati Uniti d'Europa di Matteo Renzi ed Emma Bonino sul superamento della soglia di sbarramento del 4% e qualche preoccupazione in casa Azione e nell'Alleanza Verdi Sinistra. Libertà di Cateno De Luca spera nel miracolo del 4% ma già il 3 sarebbe un grande risultato.

Da valutare infine l'inevitabile calo dell'affluenza, che esperti stimano attorno al 50%. Chi colpirà rispetto alle Politiche? Questa è davvero una grande incognita che potrebbe risultare determinante. 






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


in vetrina
Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn

Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.