A- A+
Politica
Elezioni, sondaggi vietati: numeri "impazziti". Sentiment choc, chi trema e...

Elezioni, sondaggi vietati: M5S ottimista, ma non troppo. Lega e Pd...


Ci siamo. Ultimo giorno di campagna elettorale, dalla mezzanotte silenzio elettorale e domenica, finalmente, si vota. Nelle ultime ore nelle chat di giornalisti, osservatori e politici circolano sondaggi, definiti dagli esperti fake, letteralmente impazziti. Con numeri davvero clamorosi, sorprendenti, incredibili. "Andiamoci piano e non dimentichiamoci che cosa accadde nel 2014 alle elezioni europee. In molti pronosticavano il sorpasso del M5S sul Pd di Renzi, finì 40 a 20 a favore dei Dem", spiega uno dei massimi esperti di sondaggi e che domenica sera sarà protagonista di una delle principali maratone elettorali televisive.

Restano, al netto dei numeri che circolano su whatsapp, i sentiment nelle principali forze politiche. Nel Centrodestra sono convinti che la maggioranza ci sarà, anche al Senato. In Fratelli d'Italia, con Giorgia Meloni che si aspetta "almeno il 25%", parlano di 40-45 deputati oltre il quorum (200, la metà di Montecitorio) e circa 20-25 senatori di maggioranza. Ottimismo, dunque, anche se negli ultimi giorni non manca chi spiega che Meloni ha dovuto rialzare i toni dello scontro perché, forse, la linea troppo moderata non stava pagando abbastanza.

Nella Lega Matteo Salvini è inguaribile ottimista. Ha girato l'Italia da Nord a Sud, si è speso tantissimo concludendo la campagna elettorale con una no-stop social di almeno quattro ore. Nel Carroccio non credono ai gufi che danno un risultato sotto il 10%, "saremo certamente a due cifre", spiegano da Via Bellerio. E qualcuno, anzi diversi nelle ultime ore, sperano di arrivare, forse a sorpresa, al 15% se non di più. Dipenderà sia dal Nord, Veneto di Luca Zaia in testa, ma anche dal Mezzogiorno. Ovvio un calo rispetto al boom delle Europee del 2019, ma un conto - osservano nella Lega - è fare il 7-8 al Sud e altra cosa sarebbe crollare al 2-3. Staremo a vedere.

In Forza Italia vedono sfumare l'ipotesi che qualcuno aveva adombrato del sorpasso sulla Lega. Il sogno berlusconiano resta la doppia cifra, anche se in molti, a microfono spento, si lasciano andare a commenti più modesti, del tipo: "Se facciamo l'8% va già benissimo". Il problema è l'età di Berlusconi. In questa campagna elettorale è stato molto presente, con tanto di bufera sulle ultime parole sull'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, ma resta il fatto che manca una prospettiva di leadership futura.

Parlando con i candidati del Pd la rassegnazione alla vittoria del Centrodestra, "vedremo le dimensioni", è diffusa. Anche se qualcuno spera ancora nel miracolo del pareggio, non nella vittoria della coalizione di Centrosinistra. "Tutto ciò che arriva sopra il 20% è un buon risultato", spiegano fonti qualificate del Nazareno. Anche se gli occhi sono già puntati sul dopo elezioni. Enrico Letta ha dichiarato che qui è e qui resta, ma è ovvio che in caso di sconfitta, soprattutto se il risultato fosse sotto il 20%, partirebbe dai moderati e dalla sinistra richieste di congresso e dimissioni. Ottimismo per il superamento della soglia del 3% in Sinistra Italia-Verdi, molto meno in Più Europa e Impegno Civico.

Nel Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte si è concentrato sul Sud sapendo perfettamente che la promessa di mantenere e rafforzare il reddito di cittadinanza può portare (o riportare) consensi. Nelle ultime ore, però, la speranza di arrivare addirittura al 20% superando ipoteticamente il Pd si è ridimensionata. "Saremo la terza forza politica davanti alla Lega e visti i sondaggi di luglio è già un ottimo risultato", confida un pentastellato molto vicino all'ex premier. Il timore è quello di un dato molto negativo nel profondo Nord, soprattutto in Veneto.

Nel Terzo Polo Calenda-Renzi non c'è né rassegnazione né ottimismo, l'attesa è per un risultato discreto, "senza infamia e senza lode". I sentiment che circolano in Azione e Italia Viva vedono difficilissima la doppia cifra, ma probabile il sorpasso su Forza Italia, o comunque un testa a testa intorno al 7%. Tra le forze minori, Italexit di Gianluigi Paragone è convinto di superare il 3% ed entrare in Parlamento raccogliendo tra gli arrabbiati per le sanzioni alla Russia oggi e per le restrizioni anti-Covid prima.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    centrodestra elezionielezioni legaelezioni m5selezioni pdelezioni sondaggi vietatipartiti elezionisondaggi elezioni





    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.