A- A+
Politica
Europee, il diktat sulle chat M5S: "Priorità ai sette candidati di Conte"
Giuseppe Conte

Europee, il diktat sulle chat M5S: "Priorità ai sette candidati di Conte"

Giuseppe Conte alle elezioni europee non si candida. Ma si gioca tutto su sette candidati. Sono i nomi della “società civile” del listino che l’ex premier ha imposto agli attivisti, facendolo votare a scatola chiusa sulla piattaforma digitale del M5s. Senza passare per la lotteria delle europarlamentarie. Un passaggio che, invece, hanno dovuto affrontare tutti gli altri candidati. Anche tre uscenti sono stati blindati nel listino-Conte. Eppure l’avvocato di Volturara Appula non ha deciso di tutelarli in campagna elettorale.

Crimi: "I parlamentari uscenti se la possono cavare anche da soli"

I magnifici sette di Conte devono essere eletti. E si muove la cavalleria. Una fonte del M5s, che ha visionato il messaggio, riferisce di un ordine di scuderia diramato nella chat Whatsapp dei referenti territoriali del Movimento. I coordinatori regionali in prima linea nell’organizzazione degli eventi della campagna elettorale per le europee dell’8 e 9 giugno e attivi nella raccolta delle preferenze.

L’autore del messaggio è Vito Crimi, storico capogruppo al Senato, già reggente dei Cinque Stelle. Il senso dell’invito è più o meno questo: “Bisogna dare la priorità ai candidati scelti da Conte. I parlamentari uscenti se la possono cavare anche da soli, dato che hanno disponibilità economiche e più strumenti a loro disposizione”.

M5S, i "magnifici sette" di Giuseppe Conte

Tra i sette prediletti del leader pentastellato ci sono anche l’ex presidente dell’Inps Pasquale Tridico e l’ex calciatrice Carolina Morace, protagonista di uno “spot” sui social dove la si vede palleggiare insieme a un Conte tonico e scattante. A completare il quadro dei candidati “con priorità” ci sono Ugo Biggeri, fondatore di Banca Etica, la giurista animalista Martina Pluda, il professore di pedagogia all’Università di Salerno Maurizio Sibilio, l’ex presidente del Parco dei Nebrodi e icona antimafia Giuseppe Antoci e la manager Cinzia Pilo.  

M5S ed Europee, l'appello di Crimi: "I candidati di Conte devono sempre avere la precedenza"

Lo screenshot in cui Crimi invita a privilegiare i candidati contiani negli eventi elettorali e nelle preferenze sta circolando tra grillini ed ex grillini. Facendo storcere il naso agli altri candidati in corsa per un seggio al prossimo Parlamento Europeo. Candidati già penalizzati dal divieto del M5s di produrre manifesti cartacei con il proprio volto. Secondo alcune proiezioni, il M5s dovrebbe eleggere circa 14-15 eurodeputati. Conte ne vuole la metà. Perciò Crimi ha rilanciato la direttiva nella chat dei coordinatori regionali dei Cinque Stelle. “Il presidente vuole impegno massimo su tutti gli eventi, dove i candidati del listino dovranno avere sempre e comunque la precedenza”, è il senso del messaggio.






in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


in vetrina
Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina


motori
DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.