A- A+
Politica
Financial Times, attacco a Meloni: "Spaventa gli investitori privati"

Financial Times, attacco a Meloni: "La tassa sugli extraprofitti delle banche spaventa gli investitori privati"

Nuova bordata dei “poteri forti internazionali” all’Italia, e al Governo di Giorgia Meloni. All’attacco ci va il Financial Times, ancora una volta, che scrive: “Il mondo è inondato di debiti. Sommando i prestiti di individui, imprese e governi, il totale raggiunge circa 300 trilioni di dollari, secondo l’agenzia di rating del credito Standard & Poors. Debito che ha alimentato il successo delle moderne economie finanziarie. Quando i rubinetti vengono chiusi, come è avvenuto durante la crisi finanziaria del 2008, il sistema si rafforza.

LEGGI ANCHE: Financial Times, attacco a Meloni: "Luna di miele finita con gli investitori"

Ma i piani di prestito dei fondi non sempre vanno a buon fine. Le idee imprenditoriali falliscono, i posti di lavoro vengono persi e i rimborsi non vengono effettuati. Quando ciò accade, i debiti si trasformano in prestiti in sofferenza. Questo è il settore che ha acquisito maggiore importanza negli ultimi dieci anni.

In nessun altro paese i prestiti in sofferenza sono un asset più avanzato che in Italia. Un ecosistema privato si è evoluto con il sostegno del governo per risanare i debiti inesigibili. Le nuove proposte del governo italiano di Giorgia Meloni, che ha recentemente sorpreso i mercati con una tassa straordinaria sui profitti bancari, minaccia di stravolgere il processo dei prestiti in sofferenza e spaventare gli investitori privati. Ai sensi della legge proposta, ad alcuni debitori potrebbe essere data l'opportunità di rimborsare i prestiti a un prezzo scontato. Fondamentalmente, potrebbe rimborsare il debito allo stesso prezzo a cui è stato venduto agli investitori terzi, più una piccola commissione. Ciò significherebbe che potrebbero liberarsi della loro condizione di cattivi debitori.

Dato che le trattative sui prestiti in sofferenza sono solitamente fatte a circa un quinto del valore nominale di un prestito, il cambiamento sarebbe una brutta notizia per i proprietari di portafogli esistenti che sperano di trarre profitto dail recupero del debito. Futuri accordi sui prestiti in  potrebbero essere messi in discussione.

Financial Times, attacco a Meloni sul debito italiano

Il debito italiano è una fonte costante di preoccupazione per l'Europa e una fonte affidabile di alti rendimenti per gli investitori in titoli di stato. Il debito del paese continua a salire, raggiungendo 2.858,6 miliardi, secondo la Banca d'Italia. Ora equivale al 144% del prodotto interno lordo. Confrontando con la Germania, il debito pubblico è solo il 68% del PIL. Nel frattempo, l'economia sta rallentando. Il PIL del secondo trimestre è diminuito dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti. La Commissione europea ha ridotto le previsioni di crescita per il 2024 del paese. Una crescita più bassa significa meno soldi nelle casse del governo per coprire i costi del debito. Inoltre, il nuovo governo vuole concedere tagli fiscali. Con pochi soldi a disposizione, c'è il timore che l'Italia finisca con un deficit superiore alle aspettative.

L'Italia emetterà quest'anno ulteriori 300 miliardi di euro di nuovi titoli a medio e lungo termine.

I titoli di stato italiani, noti come BTP, sono i più comuni. Sono anche in mezzo a un periodo di fortuna inattesa. Il rendimento del titolo decennale di riferimento è ancora al 4,3%, a soli 165 punti base sopra l'equivalente tedesco. Quello spread si è ridotto di quasi un quinto dall'inizio dell'anno. Le preoccupazioni riguardo al debito eccessivo dell'Italia lo hanno spinto fino a 500 punti base durante la crisi del debito sovrano. Il sostegno dalla Banca centrale europea, che ha indicato che proteggerà i paesi più deboli che affrontano spread in aumento, ha contribuito. Così come gli acquirenti di debito italiano, in particolare gli investitori individuali il cui denaro giace in conti bancari a basso interesse. L'Italia non è sola. 

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3


in vetrina
Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


motori
Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.