A- A+
Politica
Fratoianni messo in crisi dalle mogli: la sua e quella di Soumahoro
Nicola Fratoianni

I passi falsi di Nicola Fratoianni: dalla moglie al caso Soumahoro

Nicola Fratoianni sta inanellando una serie imbarazzante di passi falsi. Iniziò candidando la moglie, Elisabetta Piccolotti, che fu poi eletta alla Camera nella circoscrizione di Lecce, lei che è sempre stata in Umbria. Da lì nacque una forte polemica sui social e sui media che l’appellarono impietosamente “Lady Fratoianni”, un nomignolo che non è riuscita più a togliersi di dosso, nonostante urla e strepiti del suo forte Ego.

Per un partito di ideali, come Sinistra Italiana, il sospetto di nepotismo è difficile da superare, però Fratoianni tirò dritto per la sua strada facendo spallucce. Senza contare che poi l’entrata del duo Fratoianni – Bonelli (Verdi) andò a scardinare l’accordo tra Letta e il Terzo Polo, provocando il noto disastro elettorale per il Partito democratico.

Nicola Fratoianni e Sinistra Italiana continuano a sostenere Soumahoro

Ma dove Fratoianni ha dato il peggio di sé è nella difesa a spada tratta di Aboubakar Soumahoro. Già in fase di candidatura il leader di SI non si è accorto o non si è voluto accorgere delle voci che giravo insistenti sui problemi della gestione dei fondi della sua Lega e della squallida bidonville dove erano tenuti i braccianti. A nulla è valsa ad esempio una mail inviatagli da don Andrea Pupilla, responsabile della Caritas diocesana pugliese, o l’ostilità della CGIL, o ancora le segnalazioni della sua senatrice Elena Fattori.

Insomma Fratoianni si è semplicemente voltato dall’altra parte cedendo solo alle lusinghe dei “giornaloni” e incorniciandosi nello studio la ormai celebre copertina dell’Espresso con titolo “Uomini e no” e le facce di Aboubakar Soumahoro e Matteo Salvini, un capolavoro di Marco Damilano, allora direttore. Il circo itinerante della propaganda mediatica, da Propaganda Live di “Zoro” Diego Bianchi, a Repubblica a la Stampa hanno poi pompato un personaggio già chiacchierato fino a presentarlo addirittura al Papa (Copyright Damilano). E così Aboubakar Soumahoro ce lo siamo ritrovato in Parlamento e precisamente alla Camera che ha profanato con i suoi stivaloni lordi (tra parentesi non suoi e il proprietario li rivuole indietro). Un fatto gravissimo che Fratoianni non ha stigmatizzato anzi esaltandolo. 

Poi c’è stato il battibecco in Aula con Giorgia Meloni dove il deputato di colore pretendeva il “lei” mentre il Primo ministro aveva avuto l’ardire di dargli del “tu”, termine con cui si chiamano tutti tra colleghi. In seguito Soumahoro ci tenne a farci sapere che lui “è laureato” e la Meloni gli doveva magari pure il termine di “dottore”. Insomma un vero delirio in cui i vertici del partito che lo aveva eletto hanno colpevolmente taciuto. E poi è scoppiato tutto il resto, con la suocera sotto indagine con l’imputazione di malversazione di fondi pubblici, truffa aggravata e fatture falese.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
casofratoiannisinistrasostegnosoumahoro





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.