A- A+
Politica
Meloni-Berlusconi accordo, nodo Giustizia. Ministeri, cosa cambia. I nomi

Per la Lega confermato Giancarlo Giorgetti al Mef


L'accordo è vicino. Vicinissimo. Anzi, secondo alcune fonti qualificate, l'incontro di oggi tra Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi servirà a mettere nero su bianco l'intesa e la pace ritrovata tra Fratelli d'Italia e Forza Italia dopo i voti azzurri mancati a Ignazio La Russa presidente del Senato. E tutte le polemiche che sono seguite. Il segnale della svolta sono le parole di Licia Ronzulli, fedelissima dell'ex Cavaliere che si è tirata fuori dalla corsa per diventare ministro: "Il mio caso non esiste più. A Mattarella faremo il nome Meloni". E ancora: "Avremo un ruolo importante nella squadra di governo".

Una lettura maligna dei fatti degli ultimi giorni porta a pensare alcuni osservatori che Berlusconi di proposito abbia fatto in modo che i fotografi inquadrassero i foglietti con le accuse a Meloni scatenando così la reazione della premier in pectore ("Mancava non ricattabile"). E qui il ruolo della Ronzulli appare centrale. Berlusconi ha chiesto un dicastero per la fedelissima, pur sapendo benissimo che la leader di FdI era contraria, alzando poi la tensione con il caso La Russa-foglietti. Il tutto per arrivare alla pace sacrificando, come era ovvio fin dall'inizio Ronzulli, ma ottenendo ciò che voleva.

E infatti, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, l'accordo FdI-Forza Italia dovrebbe prevedere il ministero della Giustizia a un esponente azzurro, con l'ex presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati favorita su Francesco Paolo Sisto (anche se in serata è tornata l'ipotesi Carlo Nordio che riaprirebbe i giochi). In questo modo, con Antonio Tajani confermato agli Esteri, Berlusconi avrà due ministeri di peso nell'esecutivo e soprattutto Via Arenula a cui teneva moltissimo. Unica concessione, pare, la parziale retrocessione di Anna Maria Bernini da ministro dell'Istruzione a quello dell'Università. Resta sul tavolo l'ipotesi Alessandro Cattaneo alla Transizione ecologica o degli Affari Regionali, mentre Maurizio Gasparri potrebbe andare alla Pubblica amministrazione.

Per la Lega confermato Giancarlo Giorgetti al Mef e quasi sicuramente Matteo Salvini alle Infrastrutture e ai Trasporti. Per il Viminale in pole position c'è sempre il prefetto di Roma Matteo Piantedosi, anche se il Carroccio spera ancora nel colpaccio Giulia Bongiorno (più difficile Nicola Molteni). Alle Riforme e autonomia regionale il mancato presidente del Senato Roberto Calderoli e in più la Lega dovrebbe anche avere il dicastero della Disabilità con Alessandra Locatelli.

Per Fratelli d'Italia confermato il Mise (che diventa super-Mise "rubando" le deleghe sull'energia all'Ambiente) quasi certamente con Guido Crosetto e la Difesa con Adolfo Urso. In squadra anche Raffaele Fitto agli Affari europei e Giovanbattista Fazzolari nel delicato ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Per il dicastero della Salute resta in pole position il tecnico Francesco Rocca, presidente della Croce rossa internazionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
accordo meloni berlusconigoverno ministri nomiincontro meloni berlusconi





in evidenza
Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

Vota il sondaggio di Affari

Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini

Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini


motori
Jeep conferma la leadership nei SUV in Italia

Jeep conferma la leadership nei SUV in Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.