A- A+
Politica
Ucraina: 5 scenari verso la Terza Guerra Mondiale. Ipotesi armi nucleari

Terza Guerra Mondiale? Gli esperti valutano cinque scenari


L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia può davvero portare alla Terza Guerra Mondiale? L'ipotesi esiste, è concreta e secondo l'analisi dell'esperto tedesco Christian Kerl sul quotidiano online WAZ (Westdeutsche Allgemeine Zeitung) ci sono ben cinque scenari che potrebbero portare al conflitto globale.

Scenario 1: incidente accidentale. Questo scenario è considerato il più minaccioso perché la probabilità è relativamente alta. Gli incidenti che coinvolgono le forze armate russe da un lato e i soldati della Nato dall'altro sono aumentati nelle ultime settimane: maggiore è il nervosismo, maggiore è il rischio di incomprensioni.

Ad esempio, recentemente c'è stata una quasi collisione tra aerei statunitensi e russi sul Mar Mediterraneo. Gli americani si lamentano delle pericolose provocazioni da parte russa, ma ci sono anche accuse contrarie. In un caso, dieci giorni fa, pare che un SU-35 russo abbia volato a soli 1,5 metri sopra un aereo della marina americana. "Cosa succede se un aereo da ricognizione statunitense viene accidentalmente abbattuto da qualche parte al confine?", si chiede un militare della NATO a Bruxelles.

O se un missile russo manca il bersaglio in Ucraina e atterra sul territorio della NATO, in Polonia o in Romania? Il quartier generale della NATO ha ricordato che la Russia ha lanciato missili da crociera in Siria nel 2015, che sono atterrati accidentalmente in Iran.

Il Mar Nero, attraverso il quale le truppe russe si sarebbero probabilmente trasferite in Ucraina, è considerato una zona particolarmente pericolosa. "Tutto ciò che serve è che un missile si allontani e colpisca una nave della NATO, e poi diventa pericoloso", afferma l'ex comandante supremo delle truppe NATO in Europa, James Stavridis.

Scenario 2: gli attacchi informatici sfuggono di mano. Se Putin continua a portare avanti la guerra, gli attacchi informatici saranno probabilmente tra i suoi prossimi passi. Tuttavia, potrebbero anche influenzare direttamente o indirettamente i paesi della NATO. C'è il rischio che tali attacchi si intensifichino, dice l'ex generale della NATO Stavridis.

Il presidente degli Stati Uniti Biden ha chiarito: "Se la Russia attacca gli Stati Uniti o un alleato con misure asimmetriche - come attacchi informatici contro le nostre aziende o infrastrutture critiche - siamo pronti per una risposta".

Scenario 3: Putin mette alla prova l'Occidente con la violazione del confine. La possibilità di una completa occupazione dell'Ucraina da parte delle truppe russe desta grande preoccupazione. In questo caso - considerato probabile nella Nato - l'esercito di Putin non sarebbe solo direttamente davanti all'Estonia e alla Lettonia, come lo è oggi, ma anche ai confini di Polonia, Ungheria, Slovacchia e Romania.

Se i soldati russi rimarranno in Bielorussia, da lì i soldati di Putin avranno accesso anche alla Polonia e agli Stati baltici. Ciò significa che i tempi di allerta e di reazione per l'Occidente in caso di attacco sono molto più brevi e l'intera strategia di deterrenza della NATO sarebbe in discussione, come si teme al quartier generale dell'Alleanza.

Scenario 4: escalation della guerriglia. I governi di Washington e Londra stanno già pianificando aiuti armati per la resistenza ucraina se il paese fosse occupato dalla Russia. Secondo i piani degli Stati Uniti, la CIA e forse anche le forze speciali dell'esercito americano sarebbero coinvolti in questo aiuto.

Scenario 5: Putin attacca l'Occidente, compresi i soldati tedeschi. In realtà, ciò era precedentemente considerato del tutto irrealistico. Ma i discorsi di Putin sollevano comunque preoccupazioni sul fatto che lo zar del Cremlino possa prima o poi dar seguito all'invasione dell'Ucraina con un altro tentativo di conquista, anche se Putin ha recentemente negato di voler ristabilire un "impero" russo. In tal caso, anche la Germania sarebbe inevitabilmente coinvolta nella guerra. Uno degli scenari che ora si stanno svolgendo nella NATO: Putin potrebbe attaccare gli stati baltici - dopotutto, Estonia, Lettonia e Lituania appartenevano all'Unione Sovietica fino al 1991.

L'Occidente conosce le proprie debolezze: secondo gli strateghi militari, la Russia invaderebbe gli Stati baltici entro 60 ore e la NATO non sarebbe in grado di mobilitare le sue forze di difesa abbastanza rapidamente. La preoccupazione nei tre Stati baltici di diventare il prossimo obiettivo di guerra è grande. Ma in Lituania ci sono 500 soldati tedeschi che fanno parte di un avamposto della NATO, e presto si aggiungeranno 350 soldati della Bundeswehr. Solo per questo motivo, la Germania sarebbe coinvolta nel conflitto fin dall'inizio. E poi la NATO, come alleanza difensiva, dovrebbe usare tutte le sue forze per fermare tale aggressione. Sarebbe necessaria anche la Bundeswehr, con quasi 14.000 soldati tedeschi già appartenenti alla forza di reazione rapida della NATO.

Ma qualsiasi confronto militare in Europa tra NATO e Russia comporta il rischio che una guerra convenzionale si trasformi in una guerra nucleare. Finora, la deterrenza nucleare è stata considerata un'assicurazione che non ci sarà guerra nell'Europa occidentale. Ma più Vladimir Putin diventa imprevedibile, maggiori sono i dubbi tra gli esperti di sicurezza su fino a che punto si possa ancora fare affidamento su questo calcolo.
 

Leggi anche:

Draghi: "esercito russo controlla Chernobyl, immagini ci riportano a giorni più bui della storia"

Guerra in Ucraina, c'è anche la paura del nucleare: i russi vicino a Chernobyl

Lavrov, braccio destro di Putin, e Di Maio: dalla stima alla sfida aperta

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra mondialeguerra nucleareputin russia ucraina europaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

    Che show a Belve!

    Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.