A- A+
Politica
I 'costruttori' vogliono 3 ministeri. La trattativa con Conte si complica
(fonte Lapresse)

Brusca frenata nella trattativa tra il presidente del Consiglio e i cosiddetti 'costruttori/responsabili'. Il punto sul quale si è arenato il dialogo, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, è legato al fatto che Mastella, l'Udc e i Socalisti vogliono che venga messo nero su bianco che avranno un ministero a testa prima della votazione in Senato di martedì prossimo sulla fiducia. Di fatto, però, questo significherebbe far nascere il Conte ter con le dimissioni del premier nella mani del Capo dello Stato.

Il timore di Conte è quello di rassegnare le dimissioni senza avere la certezza assoluta che ci saranno 161 voti a Palazzo Madama, ovvero la maggioranza assoluta dei componenti dell'Aula, senza la quale, anche se ci sarà formalmente la fiducia il governo sarebbe politicamente debolissimo e di minoranza. I costruttori, dal canto loro, ribattono che prima serve il passo indietro per certificare che avranno un dicastero a testa promettendo che poi ci saranno i 161 voti a favore.

Intanto continuano i malumori nel Partito Democratico e nei 5 Stelle che considerano eccessivo cedere tre ministeri ai costruttori (già la 'piccola' Italia Viva ne aveva troppi, due). I nomi? Già ci sono: Paola Binetti al ministero della Famiglia, Sandra Lonardo (lady Mastella) alle Politiche Agricole e il socialista Riccardo Nencini all'Ambiente al posto di Sergio Costa. Ma questo, inevitabilmente, aprirebbe la strada a un mega-rimpasto con gli appettiti di molti Dem e grillini, proprio quello che il presidente del Consiglio non vuole.

Al momento il borsino dei numeri dà sicura la maggioranza per la fiducia ma sotto quota 161, attorno a 155-156 e quindi a oggi rischia di saltare tutto. Non a caso è molto forte la preoccupazione nel Pd che starebbe pensando di riaprire a Italia Viva, così come una parte del M5S che considera - a microfono spento - meglio i renziani di Udc, Socialisti e mastelliani. Ma se salta tutto, spiegano sia fonti Dem che pentastellate, con Conte che resta al di sotto dei 161 sì a Palazzo Madama, l'ipotesi prevalente è che si corra dritto alle elezioni politiche anticipate. Ma non a giugno, già in aprile, subito dopo Pasqua.

Commenti
    Tags:
    governo crisigoverno contegoverno costruttorifiducia senato martedì numeri
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Salvini pranza con Francesca "Prendo carne cruda". VIDEO

    Dolce vita romana

    Salvini pranza con Francesca
    "Prendo carne cruda". VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Meteo marzo choc: tornano NEVE in pianura e gelo. COLPO CRUDO DI...

    Meteo marzo choc: tornano NEVE in pianura e gelo. COLPO CRUDO DI...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Jeep Gladiator: il ritorno nel segmento dei pick-up

    Nuovo Jeep Gladiator: il ritorno nel segmento dei pick-up


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.