A- A+
Politica
L'ex capo degli 007 Gabrielli lascia il Viminale e va in pensione anticipata

Franco Gabrielli preferisce la pensione anticipata alla prefettura

Franco Gabrielli ha lasciato la carica di prefetto al Viminale lo scorso 1 luglio. L'ex sottosegretario alla presidenza del consiglio - con delega ai servizi - del governo Draghi non ha trovato lo stesso favore nel nuovo governo di Giorgia Meloni. Infatti, il ruolo al Viminale non è stata che una ricollocazione senza incarico che - riporta Il Giornale - potrebbe essere stata lo scotto da pagare per il legame di Gabrielli con il Pd (Gentiloni, Prodi, Letta) oltre a un passato da aspirante democristiano negli anni '80, alla corte di Benigno Zaccagnini.  

Certamente il curriculum è dalla sua: direttore del Sisde e dell’Aisi, prefetto dell’Aquila ai tempi del sisma, Capo Dipartimento della Protezione civile, prefetto di Roma e poi capo della Polizia. Non sarà difficile per un professionista così navigato ottenere a una "ricollocazione" più gratificante. 

Leggi anche: Fini contro Meloni, perché? È saltata la candidatura alle Europee con FdI

Secondo i rumors, infatti, Gabrielli potrebbe agevolmente mettere le sue competenze al servizio di aziende di primaria importanza nel settore dell’intelligence. Ma c’è anche chi scommette che il destino di Gabrielli sia di ripartire dall’Europa, sulla falsa riga di Draghi, chiamato come consulente di Ursula von der Leyen.

Ancora altre voci dicono di una sua discesa in campo nella politica, specie dopo che a marzo scorso aveva picchiato sull’immigrazione dopo la tragedia di Cutro, dicendosi “avvilito dei soliti errori” e “dei ministri che fanno viaggi della speranza in Africa”, “dei proclami” e soprattutto del passaggio “dal buonismo al cattivismo senza una vera programmazione di politiche durature”.

Leggi anche: Maurizio Belpietro si mette in cura dimagrante: mln di perdite per la sua Sei

Così aveva preso le distanze dalle politiche annunciate da Palazzo Chigi e persino dal lessico di Piantedosi: “A differenza del ministro, io sono stato un questurino a denominazione d’origine controllata e non mi sarei espresso come lui sulla strage di Cutro”. 

Staremo a vedere quale freccia deciderà di scagliare l'ormai ex prefetto, tra le varie al suo arco. 

 

 

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.