A- A+
Politica
Aumento spese militari, "la Lega è al fianco di Draghi". Intervista
 Matteo Salvini

Parla Roberto Paolo Ferrari, capogruppo della Lega in Commissione Difesa alla Camera e responsabile Difesa del Carroccio


"Sugli investimenti al settore della Difesa sosteniamo la linea del governo e del presidente Draghi, va tolto e smontato completamente il paradigma che un aumento delle spese militari vuol dire inviare più armi all'Ucraina, tema sul quale abbiamo diverse perplessità. Non è affatto così". Roberto Paolo Ferrari, capogruppo della Lega in Commissione Difesa alla Camera e responsabile Difesa del Carroccio, spiega ad Affaritaliani.it la posizione del partito guidato da Matteo Salvini sul tema che sta dividendo la maggioranza e in particolare il Movimento 5 Stelle e Palazzo Chigi. "Va ricordato che l'aumento delle spese per il settore della Difesa vuol dire anche sicurezza interna, oltre che difesa da attacchi esterni. L'Italia è vulnerabile su molti fronti".

L'aumento al 2% del Pil, sottolinea Ferrari, "è stato deciso nel 2006, confermato nel 2014 e dovrebbe completarsi nel 2024. Sono impegni assunti con i partner dell'alleanza atlantica e la Lega è al fianco del premier Draghi nel rispetto di questi impegni. Faccio notare che il 28,1% della spesa del settore della Difesa è destinata all'Arma dei carabinieri, quindi alla sicurezza dei nostri cittadini. La ricaduta sarà positiva anche per l'Arma e per la difesa dell'ordine pubblico. Non solo, un altro elemento del comparto sicurezza riguarda la parte cibernetica. Occorre investire molto per garantire che non ci saranno attacchi come quello alle Ferrovie e che potrebbero accadere anche ad altri sistemi come le reti energetiche o il sistema bancario o il controllo aereo".

"Altra cosa - sottolinea il responsabile Difesa della Lega - sono le perplessità che abbiamo ribadito e che confermo sull'invio di armi all'Ucraina. L'Italia è sempre stata un ponte tra l'alleanza atlantica e la Federazione Russa, come dimostrano gli accordi di Pratica di Mare di 20 anni fa. La guerra e tutto ciò che è successo dal 24 febbraio ha compromesso il ruolo dell'Italia e per questo sono nate le perplessità della Lega sull'invio di armi a Kiev. Solo il Copasir, e nemmeno il Parlamento, sa esattamente quali e quanti armamenti sono stati mandati all'Ucraina", conclude.

Leggi anche: 

Ucraina, verso il cessate il fuoco: "15 anni per decidere sulla Crimea"

Guerra Ucraina, Borse Ue ottimiste sulla tregua: Milano chiude oltre il 2%

Omicidio Brescia, Perrino: "Il bancario della porta accanto che uccide la ex"

Attrice hard fatta a pezzi: confessa il vicino: "Morta in un gioco erotico"

Denise, la madre: "La cerco viva". Commissione parlamentare: ora tocca al Pd

AIE e Fieg: la pirateria editoriale costa 770 milioni l'anno

Enel, firmato lo Statuto della Persona per valorizzare dipendenti

Intesa Sanpaolo, presentato monitor sui distretti agro-alimentari

Stellantis, incontro per discutere il destino dell’azienda di Torino

Commenti
    Tags:
    lega draghilega spese militari governonato armi italiani ucraina





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.