A- A+
Politica
Legge Cartabia, senza denuncia onere alla vittima (col rischio ritorsioni)

Giustizia: la Legge Cartabia amplia le misure alternative al carcere verso una giustizia meno afflittiva e più rieducativa, ma lascia alle vittime di alcuni reati la responsabilità di avviare l'azione penale

In un mondo dove siamo primi per auto veloci e sfreccianti che ci invidiano ovunque e che ovunque tentano (senza successo) di copiare, abbiamo una macchina lentissima. La più lenta d’Europa. È quella della giustizia. Tanto che, fra le condizioni imposte per ottenere e utilizzare le importanti risorse del Pnrr, rientra l’obbligo di ridurre i tempi dei nostri processi (civili e penali) del 25% entro il 2026. Un obbligo impegnativo, visto che la durata media dei contenziosi italiani è di sette anni e mezzo, a fronte dei due anni e mezzo della Germania. Ma ci si prova, perché in gioco non ci sono solo moltissimi miliardi di euro, ma la possibilità di far ripartire un’economia in crisi da decenni, e ancora più provata dalla pandemia.

La riforma Cartabia, quindi, ampliando le ipotesi di misure alternative al carcere in un’ottica condivisibile che si indirizza verso una giustizia sempre meno afflittiva e sempre più riparativa e rieducativa, ha previsto anche la trasformazione di molti reati da procedibili d’ufficio a querela di parte. La differenza consiste nella condizione di procedibilità: nel primo caso il magistrato, preso atto della notizia di reato, avvia le indagini. Nel secondo caso serve l’impulso di parte, senza il quale l’azione penale non prende il via, ossia non è, appunto, procedibile.

Quali sono i delitti che, ora, richiedono la querela per potersi trasformare in fascicolo sul tavolo della procura, e, in caso di rinvio a giudizio, in processo penale? Quelli contro la persona o il patrimonio con pena uguale o superiore nel minimo a due anni. Vi rientrano, fra gli altri, le lesioni personali stradali gravi o gravissime qualora non ricorrano le circostanze aggravanti come l’uso di alcol o sostanze stupefacenti, le lesioni personali dolose con prognosi fino a 40 giorni, il sequestro di persona semplice (ossia, non a scopo di estorsione), la violenza privata. E ne fanno parte anche la violazione di domicilio, la minaccia  aggravata anche se commessa da persona recidiva, il furto aggravato, la truffa, la frode informatica e l’appropriazione indebita. Insomma, un gruppo di reati che, seppur considerati bagatellari per il nostro ordinamento, in realtà creano grave allarme sociale.

Basta pensare al numero elevato di furti con destrezza (volgarmente denominati scippi), che ora sono perseguibili solo in presenza di querela da parte della persona offesa, che ovviamente deve essere legittimata a proporla. Si immagini, per esempio, il caso in cui un pedone sia investito sulle strisce pedonali e finisca in ospedale con fratture multiple, come potrebbe presentare la querela entro tre mesi? Probabilmente non ne sarebbe in grado, verrebbe meno la condizione di procedibilità e l’autore di quelle lesioni resterebbe impunito. Peraltro, la punibilità a querela per le lesioni stradali gravi e gravissime non rappresenta un incentivo al rispetto del codice della strada, tenendo conto che siamo appena usciti da un anno in cui sono oltre 1200 le persone investite da automobilisti indisciplinati.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aldrovandicartabiariforma cartabia





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.