A- A+
Politica
Legge di Bilancio, Carabinieri chiedono incontro con Meloni. "Presi in giro"
Giorgia Meloni e Teo Luzi

Legge di Bilancio, il Co.Ce.R. dei Carabinieri chiede un incontro con la premier Meloni. "Ci sentiamo presi in giro”

È entrata in vigore solo da pochi giorni la Legge di Bilancio per il 2023, ma le discussioni attorno al provvedimento del governo sembrano essere appena iniziate. A destare clamore, in particolare, l’esposto avanzato dalla Sezione dei Carabinieri del Consiglio Centrale di Rappresentanza che – come riportiamo in esclusiva su Affaritaliani.it chiede a gran voce un incontro con la Presidente del Consiglio dei Ministri Giorgia Meloni. La ragione? “Ci sentiamo presi in giro, dateci la possibilità di ricrederci”. Si conclude così l’accorato comunicato stampa, che esordisce parlando appunto di un “necessario e indifferibile urgente incontro con il Presidente del Consiglio dei Ministri, per affrontare concretamente lo stato di disagio vissuto dai Carabinieri e da tutti i colleghi delle altre Forze di Polizia e Forze Armate, non considerati minimamente nella recente Legge di bilancio”.

Tanti i punti, secondo il Consiglio Centrale di Rappresentanza, da esaminare, “dalla previdenza agli straordinari, dal rinnovo del contratto di lavoro alle nuove incombenze discendenti dalla legge Cartabia”, “consapevoli delle difficoltà del momento e unanimi nel considerare importante la risoluzione del caro energia, anche e soprattutto attraverso la lotta alla speculazione”. “Il personale in uniforme – continua il comunicato – nonostante tutto continua a garantire la sicurezza dei cittadini nel territorio nazionale e al di fuori di esso, ha bisogno di risposte concrete su aspetti che incidono drasticamente sul benessere degli operatori e sulla loro motivazione”. Non è più il tempo di promesse, è l’appello delle Forze dell’Ordine, “occorre passare ai fatti ed è per questo che a nome degli oltre 100.000 Carabinieri e non solo chiediamo di essere convocati. Conoscere le esigenze direttamente da chi vive il territorio e le problematiche del servizio consentirà di delineare una linea strategica di intervento, permettendo a questo Governo di realizzare ciò di cui abbiamo bisogno”

I numeri della Legge di Bilancio sulla Difesa e le Forze Armate

Invero la Legge di Bilancio 2023 non ha mancato di intervenire anche sul tema della Difesa, e più in particolare delle Forze Armate, attraverso il potenziamento dell’organico. In particolare, si legge sul testo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, “… 649. Per le esigenze di funzionalità delle Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, all’articolo 801 del codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 1, le parole: « 155 unità » sono sostituite dalle seguenti: « 271 unità »; b) al comma 4, dopo la lettera b) è inserita la seguente: « b-bis) gli ufficiali generali e di gradi corrispondenti impiegati come capi o vicecapi ufficio degli uffici di diretta collaborazione del Ministro della difesa di cui all’articolo 14, comma 2, lettere b) e c), del regolamento »; c) al comma 6, le parole: « 10 unità » sono sostituite dalle seguenti: « 15 unità » e dopo la parola: « b), » è inserita la seguente: « b-bis)»”. E ancora: “… 650. Per l’attuazione delle disposizioni di cui al comma 649 è autorizzata la spesa di 11.481.675 euro annui a decorrere dall’anno 2023”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bilanciocarabinieriforzeincontroleggemeloniordinepremier





in evidenza
Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"

Guarda il video

Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Nuova DACIA Sandero Streetway Journey: eleganza e tecnologia urbana

Nuova DACIA Sandero Streetway Journey: eleganza e tecnologia urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.