A- A+
Politica
Meloni: "I veri No Vax sono al Governo. Draghi al Colle? Sì per votare subito"

Green pass, Meloni: "Follia a ristorante e non su mezzi pubblici"

"La follia e' che noi chiediamo il green pass per entrare al ristorante, ma non sui mezzi pubblici che sono sempre stati il cluster principale, nonostante i negazionisti del Pd ci dicevano che il Covid non c'era, invece poi si e' scoperto che c'era ed era inevitabile". A dirlo e' la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, durante un punto stampa con il candidato sindaco di Milano per il centrodestra, Luca Bernardo. "Io continuo a chiedere al governo cosa si sta facendo per mettere in sicurezza il Paese da un eventuale rischio di prossima ondata, perche' la campagna vaccinale, che e' fondamentale, da sola potrebbe non risolvere il problema", ha concluso.

Meloni ha poi aggiunto: "Vi siete chiesti perche' in Spagna e in Grecia con contagi piu' alti e vaccinazioni piu' basse delle nostre non stanno neanche discutendo di mettere il green pass? Il rapporto rischio-beneficio del green pass per una nazione turistica come la nostra e' tutto a favore del rischio". "Il green pass vale solo per i vaccini riconosciuti dall'Ue. E tutti i milioni di vaccinati con Sputnik in Italia non possono entrare al ristorante, quindi andranno da un'altra parte. Cosi' come faranno gli italiani. Andranno in Spagna, magari a prendersi il Covid li' e riportarlo in Italia. Intelligentissima come soluzione!", ha concluso Meloni. 

Green pass, Meloni: "Contraria ma rispetto le regole"

Sul Green pass "sono contraria ma sono una persona che ha sempre rispettato le regole. Faccio le mie battaglie ma non ho io la maggioranza. Per me le regole si rispettano, anche se le trovo surreali". A dirlo e' la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, rispondendo a una domanda sull'entrata in vigore del Green pass. "Non me ne frega niente delle etichette che continuano ad appiccicarmi addosso, perche' ho il coraggio delle mie opinioni", ha concluso Meloni.

Vaccini, Meloni: "No Vax stanno al governo, mancata trasparenza"

"In realta' i no vax stanno al governo perche' la cosa piu' seria che si puo' fare per la campagna vaccinale e' trasparenza e serieta' nelle informazioni e questo e' mancato". A dirlo e' la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, nel corso di un punto stampa a Milano con il candidato sindaco del centrodestra, Luca Bernardo. "La campagna di distrazione e allontanamento dalla vaccinazione - ha attaccato Meloni - l'hanno fatta quelli che hanno dato informazioni che si accavallavano e si contraddicevano, ad esempio su AstraZeneca. Ma la quota degli italiani vaccinati e' piu' alta che in altri Paesi europei. Da noi la campagna vaccinale sta andando bene. Bisogna incentivarla e sostenerla, ma da sola non risolve il problema". 

Scuola, Meloni: "Contraria a obbligo vaccinale per personale"

"Sono contraria all'obbligo per una questione di principio. Il punto e' che bisogna capire quanto risolve. Qualche mese fa abbiamo vaccinato gli insegnanti per primi e poi abbiamo chiuso le scuole. Io credo che pensare di risolvere tutto solo con l'obbligo vaccinale rischiera' di riportarci a delle chiusure". A dirlo e' la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, rispondendo a una domanda sull'eventuale introduzione dell'obbligo vaccinale per il personale scolastico. Nel corso di un punto stampa davanti alla Stazione centrale di Milano, assieme al candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo, Meloni ha aggiunto: "Se il vaccino non ferma il contagio noi avremo comunque il problema di come evitare le chiusure. A me piacerebbe che invece di parlare di questo, che mi sembra un'arma di distrazione di massa, mi si rispondesse su cosa si sta facendo per mettere in sicurezza la riapertura delle scuole".

Quirinale, Meloni: "In pochi lavorano per Draghi al Colle"

"E' uno degli elementi che potrebbe convincermi a sostenerlo al Quirinale. Credo che sia vero e infatti non mi pare che siano in molti a lavorare sull'ipotesi di Draghi al Quirinale". Cosi' Giorgia Meloni risponde ironicamente a chi le chiedeva di commentare le parole del ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, secondo cui se il premier Mario Draghi dovesse essere eletto al Quirinale l'attuale maggioranza non avrebbe modo di andare avanti e si tornerebbe al voto. "L'ipotesi del voto e' una delle cose che potrebbe convincermi a sostenerlo per andare al voto subito. E' una battuta ovviamente", ha concluso Meloni sorridendo. 

Attacco Hacker regione Lazio, Meloni: "Zingaretti dia garanzie o si dimetta"

"Zingaretti la smetta di nascondersi e dica realmente come stanno le cose, dica cos'e' accaduto e spieghi perche' un data center inaugurato nel 2019 e' stato messo cosi' facilmente in ginocchio". Ma soprattutto dia garanzie sul ripristino, altrimenti prenda seriamente in considerazione la possibilita' di rassegnare le sue dimissioni. Dopo lo scandalo di concorsopoli e la maxi truffa sulle mascherine, il disastro causato dall'attacco informatico mette definitivamente nero su bianco l'incapacita' dell'attuale governo della Regione Lazio". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni in merito all'attacco hacker ai sistemi della Regione Lazio.

"Da giorni - ricorda Meloni - tutti i sistemi della Regione Lazio sono inaccessibili a causa di un attacco informatico, attualmente non e' nemmeno possibile raggiungere il sito internet, di conseguenza i cittadini, le imprese e gli enti locali non possono interfacciarsi con l'Ente regionale. Da quello che si legge sugli organi di stampa, non e' accessibile nemmeno la copia dei dati perche' sarebbero stati custoditi all'interno dello stesso complesso di server hackerato. La vulnerabilita' dei sistemi della Regione Lazio e' disarmante - sottolinea la leader di FdI -, cosi' come anche la gestione e la reazione all'attacco dei pirati informatici. Un ente cosi' importante che gestisce servizi critici ed essenziali non puo' in nessun modo rimanere inaccessibile per cosi' tanto tempo, ad oggi non si capisce se e quando verra' ripristinato il sistema, qui ci sono delle gravi responsabilita' e qualcuno deve risponderne immediatamente".

Centrodestra, Meloni vede Berlusconi: "Garanzie su coalizione compatta"

"Ho chiesto garanzie e mi pare che Berlusconi abbia detto che l'unico orizzonte possibile sia quello di un centrodestra forte e compatto. Su questo aspettiamo segnali concreti e chiari". Lo ha detto la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, parlando dell'incontro avuto con l'ex premier Silvio Berlusconi. Durante un punto stampa a Milano, con il candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo, Meloni ha sottolineato: "Abbiamo incontrato il presidente Berlusconi. E' stato un incontro molto franco e cordiale. L'obiettivo era capire se l'orizzonte degli altri partiti di centrodestra sia lo stesso di Fratelli d'Italia, cioe' un governo di centrodestra o se alcuni accarezzino ipotesi alternative. Cioe' se si consideri la maggioranza arcobaleno a sostegno di Draghi o di chiunque altro come una ipotesi transitoria, accidentale o irripetibile, o se invece no. Noi su questo siamo assolutamente monogami".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    melonidraghivaccinizingarettigreen pass
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

    Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.