A- A+
Politica
Forza Italia, scissione. Chi sta con Berlusconi e chi con Meloni. I nomi
Berlusconi Meloni
Lapresse

Forza Italia, scissione? Tutti i nomi del Senato, dove la maggioranza per Meloni sarebbe risicatissima


Uno scenario che fonti ai massimi livelli di Fratelli d'Italia, vicinissime a Giorgia Meloni, reputano "impossibile", perché "Forza Italia non può tradire così il mandato elettorale" per quelli che alla fine sono dei "capricci". Ma se l'impossibile diventasse possibile - e cioè se Silvio Berlusconi decidesse di non indicare Giorgia Meloni presidente del Consiglio durante le consultazioni dal Capo dello Stato Sergio Mattarella - si aprirebbero due scenari.

Il primo, giudicato in FdI "meno probabile", è che tutti i parlamentari azzurri seguano la scelta "suicida" dell'ex Cavaliere e a quel punto per il partito di maggioranza relativa (d'accordo anche Matteo Salvini e lo stato maggiore della Lega) l'unica soluzione sarebbe tornare immediatamente alle urne, già a gennaio 2023 e ovviamente senza Forza Italia nella coalizione di Centrodestra. Il piano B, giudicato "più verosimile", in caso di rottura Berlusconi-Meloni, è quello di una scissione nei gruppi parlamentari di Forza Italia.

I berlusconiani insieme alla sua fedelissima Licia Ronzulli, estromessa dal governo prima ancora che sia nato (dicono che la leader di Fratelli d'Italia sia stata categorica nel no) da una parte e chi intende proseguire l'esperienza del Centrodestra con Meloni premier dall'altra. Alla Camera, i ronzulliani non sono moltissimi e su 48 deputati azzurri almeno una trentina - spiegano fonti qualificate - resterebbero con la coalizione e la premier. E quindi la maggioranza avrebbe comunque 217-218 deputati (rispetto ai 235 usciti dalle urne), sufficienti per poter governare.

Qualche problema, "almeno all'inizio" - spiegano da FdI, ci potrebbe essere al Senato, dove la maggioranza attuale è di 115 seggi e Forza Italia ne ha 18. Sicuramente contro Meloni premier ci sarebbero, ovviamente Silvio Berlusconi e Licia Ronzulli, Alberto Barachini, Dario Damiani, Roberto Rosso e Paolo Zangrillo. Punto di domanda su Mario Occhiuto, fratello di Roberto Occhiuto, presidente della regione Calabria ed ex capogruppo a Montecitorio. Giovanni Miccichè, spiegano sempre le fonti, è un caso a parte, sicuramente non sta con Ronzulli ma difficilmente appoggerebbe Meloni premier dopo una scissione.

Con la leader di Fratelli d'Italia - pattuglia azzurra guidata da Antonio Tajani sicuro ministro degli Esteri che infatti preme per ricucire - sicuramente ci sarebbero Maria Elisabetta Alberti Casellati, Anna Maria Bernini (probabile ministro dell'Istruzione), Stefania Craxi, Maurizio Gasparri, Francesco Silvestro e Paolo Francesco Sisto. Per Casellati e Sisto probabili due ruoli importanti al governo come viceministri. Punto di domanda infine su Adriano Paroli. Numeri alla mano, quindi, la maggioranza post (eventuale) scissione azzurra sarebbe al massimo di 105 senatori, estremamente risicata (soprattutto per il lavoro nelle commissioni). Il governo Meloni potrebbe dunque nascere ma a Palazzo Madama avrebbe vita difficile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
forza italia scissionemeloni berlusconi ronzulli





in evidenza
Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

Vota il sondaggio di Affari

Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini

Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini


motori
Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.