A- A+
Politica
Nasce il governo Meloni, una squadra modesta ma che ha consenso (per ora)
Giorgia Meloni quirinale

Giorgia Meloni premier, onore al merito 

E alla fine Giorgia ce l’ha fatta. Dalla Garbatella a Palazzo Chigi a capo del governo di un grande Paese. Onore al merito. C’è riuscita anche per la disperazione degli italiani che, dopo i governi istituzionali e di emergenza, dopo i tecnici, dopo le illusioni carnevalesche dei 5 Stelle, ora finalmente hanno un governo che rappresenta la massima coerenza fra voto e istituzioni.

La lista dei ministri è un po’ deludente, dei pezzi da novanta che ci si attendeva mesi fa (Panetta ad esempio) non c’è traccia, ma parlare ora di qualità della squadra non avrebbe senso, vedremo i risultati. Meloni non si è potuta esimere dal compromesso, normale in un governo di coalizione. Meloni e Giorgetti dovranno scalare le montagne per essere al passo di Draghi e Franco i quali avevano un tasso di credibilità senza pari.

Ma questo governo ha il consenso, se lo userà al meglio e si affiderà a collaboratori di valore al suo servizio (non servizievole) potrebbe guadagnarsi (passo dopo passo) la credibilità che serve per stare con autorevolezza nei consessi europei e internazionali. Attenzione però, non ci sarà spazio all’ambiguità, con la matematica non si scherza, i numeri dell’Italia su debito, innovazione e vincoli (sacrosanti) europei sono impietosi.

A proposito di passi falsi, si veda il caso del Regno Unito che è sempre stato un esempio di stabilità, ma che di fronte alla spregiudicatezza dei vari esecutivi che si sono susseguiti dalla brexit in poi sta pagando un prezzo enorme. Dopo le ultime folli scelte (in parte rientrate) del governo di Liz Truss, che si è appena dimessa a poche settimane dall’insediamento, il Regno Unito si trova con il livello più basso della sterlina degli ultimi trent’anni. Rischio che oggi non corre l’Italia grazie all’euro, ma fa ancora sorridere pensare che il secondo alleato di Giorgia fino a pochi anni fa proclamava un ritorno alla lira (a cui oggi solo Paragone & Co inneggiano).

Però nulla potrebbe salvarci da scellerate politiche di bilancio fuori, non solo dai parametri europei, ma soprattutto dal buon senso perché, non dimentichiamolo mai, ogni euro di scostamento di bilancio andrà pesato con cura con la consapevolezza che sarà un euro sulle spalle dei nostri figli a cui Giorgia, donna e madre, dovrebbe pensare ogni giorno. Per il momento in bocca al lupo al governo Meloni! Noi saremo qui a misurare ogni iniziativa: numeri e fatti, sperando di lasciarci alle spalle questi mesi di chiacchiere e fantasie che ci hanno fatto compagnia negli ultimi mesi di campagna elettorale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governomeloni





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.