A- A+
Politica
"Nazisti? No, era una banda musicale". Via Rasella, bufera su La Russa

Fosse Ardeatine, bufera su La Russa: "Via Rasella? Non erano nazisti, ma una banda musicale"

È bufera sul presidente del Senato Ignazio La Russa, che in un’intervista a “Terraverso”, podcast di Libero, rispondendo sulle critiche alla premier Meloni circa l'eccidio delle Fosse Ardeatine riferito a “morti italiani” ha dichiarato: “Via Rasella è stata una pagina tutt'altro che nobile della Resistenza, quelli uccisi furono una banda musicale di semi-pensionati e non nazisti delle SS”.

E ancora: "Quando Meloni dice 'uccisi perchè' italiani" riferendosi ai martiri delle Fosse Ardeatine, "nella sua testa lo sa che questi italiani erano antifasciti, ebrei, detenuti politici, qualcuno chi lo sa pure fascista, ma se li deve racchiudere in una sola parola, dice 'perchè italiani'. Farne uno scandalo significa voler fare polemica non avendo argomenti". Meloni, ha aggiunto La Russa, “sa benissimo che quegli italiani furono uccisi per rappresaglia dopo quello che i partigiani avevano fatto a Via Rasella”.

Immediata la replica delle opposizioni, che hanno dichiarato a più voci l’inadeguatezza di La Russa a ricoprire il ruolo di presidente del Senato: “Alla forze politiche che organizzarono La Resistenza, e tra esse ai comunisti italiani, tutti noi dobbiamo La conquista della libertà e della democrazia, che la tirannide fascista aveva uccise, e la fondazione della nostra Repubblica. Il Presidente La Russa porti rispetto alla storia di chi ha fondato La Repubblica. È in base al sacrificio dei partigiani, e tra loro tanti comunisti, che lui oggi può sedere ai vertici della nostra Repubblica” ha dichiarato il senatore Francesco Verducci, della Commissione Cultura del Senato.

Parole accompagnate dall’ira dell’Associazione nazionale partigiani (Anpi): “Le parole di La Russa sono semplicemente indegne per l'alta carica che ricopre e rappresentano un ennesimo, gravissimo strappo tesa ad assolvere il fascismo e delegittimare la Resistenza" ha affermato il presidente Gianfranco Pagliarulo. "Il terzo battaglione del Polizeiregiment colpito a via Rasella mentre sfilava armato fino ai denti - ricorda Pagliarulo - stava completando l'addestramento per andare poi a combattere gli Alleati e i partigiani, come effettivamente avvenne. Gli altri due battaglioni del Polizeiregiment erano da tempo impegnati in Istria e in Veneto contro i partigiani"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fosse ardeatinela russapartigianiresistenzasenatovia rasella





in evidenza
Affaritaliani.it cambia la proprietà: entrano Antelmi, Massa e Brave Capital

Perrino resta direttore

Affaritaliani.it cambia la proprietà: entrano Antelmi, Massa e Brave Capital


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.