A- A+
Politica
Pandemia, i lati oscuri della gestione dei governi Conte II e Draghi

Pandemia, punto per punto tutti gli errori del governo attuale e di quello precedente

 

La gestione della pandemia da parte dei due governi italiani che si sono succeduti negli ultimi due anni, il Conte II e quello istituzionale guidato da Draghi, presenta molti lati oscuri. Alcuni di questi vanno senz’altro evidenziati.

  1. La Fase I, che va da fine febbraio agli inizi di maggio 2020, è quella con maggiori falle. I primi provvedimenti del Ministero della Salute, a parte quelli che vietavano gli spostamenti da un comune all’altro e imponevano l’uso di mascherine che ancora non c’erano (vedesi il caso Arcuri), riguardavano le cure domiciliari e il divieto di autopsie. Il Tar del Lazio, con sentenza n. 419/2022 Reg. Provv. Coll. del 15 gennaio 2022, emanata nella causa iscritta al Reg. Ric. n. 6949/2021, ha annullato la circolare del Ministero della Salute aggiornata al 26 aprile 2021 recante “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da Sars-Cov-2” che sin dal marzo 2020 aveva indicato “paracetamolo e vigile attesa” come cura per i pazienti affetti dalla Covid che si trovavano a domicilio, vietando ai medici di prescrivere altre cure, tra cui gli antibiotici e l’idrossiclorochina.

    Il Tar ha motivato la propria decisione adducendo che la circolare del ministero “
    si pone in contrasto con l’attività professionale così come demandata al medico nei termini indicati dalla scienza e dalla deontologia professionale”, riconoscendo che “è onere imprescindibile di ogni sanitario di agire in scienza e coscienza, assumendosi la responsabilità circa l’esito della terapia prescritta quale conseguenza della professionalità e del titolo specialistico acquisito”. È peraltro vero che questa sentenza è stata sospesa dal Consiglio di Stato ma le responsabilità dell’allora governo Conte sono comunque evidenti:

    Le responsabilità dell’allora governo Conte sono dunque evidenti: quante persone si sarebbero potute salvare se i medici fossero stati lasciati liberi di agire “con scienza e coscienza”? Quanti morti hanno sulla coscienza Speranza, Conte e i componenti del comitato tecnico-scientifico? Domande che poniamo da circa due anni ma alle quali nessuno intende rispondere. La questione assume anche caratteri di natura penale, infatti quantomeno Speranza e i membri del comitato tecnico-scientifico dovrebbero essere sottoposti ad indagine per il reato di omicidio colposo di cui all’art. 589 del codice penale, considerata la presunta negligenza continuata mostrata in questa specifica situazione.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    pandemia covid gestione conte draghi errori
    in evidenza
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi

    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

    Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

    Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.