A- A+
Politica
Pensioni, "Quota 41 per tutti obiettivo da perseguire da subito". La svolta

Pensioni, "bomba" leghista sulla riforma


"Quota 41 per tutti è un obiettivo da perseguire da subito, considerando che abbiamo una legislatura davanti a noi". Lo afferma ad Affaritaliani.it il sottosegretario al Lavoro e al Welfare Claudio Durigon, esponente di spicco della Lega, parlando della riforma delle pensioni.


Che cos'è Quota 41


Il pensionamento sarebbe consentito al raggiungimento di 41 anni di versamenti a prescindere dall'età anagrafica. Nel 2021 l'Inps ha stimato i costi di un'estensione a tutto campo di Quota 41: più di 4 miliardi nel primo anno di “attivazione” per poi arrivare a superare la soglia dei 9 miliardi nell'ultima annualità di un percorso decennale. Anche per questo motivo il governo è sempre rimasto freddo di fronte a questa ipotesi. Così come il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, che ha più volte caldeggiato un'altra proposta con l'obiettivo di consentire il pensionamento a 63-64 anni con la sola quota contributiva dell'assegno usufruendo dell'eventuale parte retributiva a partire dal sessantasettesimo anno d'età. In questo caso il costo il primo anno si fermerebbe a poco più di 400 milioni. Ma la Lega lascia intendere che la spesa aggiuntiva per Quota 41 sarebbe più contenuta di quella stimata dall'Inps e continua a spingere su questa misura.


Che cos'è Quota 103 (la misura "ponte" per il 2023)

 

La legge di Bilancio per il 2023 ha definito la nuova versione della pensione anticipata, Quota 103. Anche questa versione di flessibilità in uscita presenta requisiti in deroga rispetto alle condizioni previste per i trattamenti pensionistici ordinari fissati dalla legge Fornero. La nuova agevolazione stabilisce, entro il 31 dicembre 2023, il raggiungimento di condizioni previdenziali più gravose ma un’anzianità anagrafica inferiore rispetto alle versioni precedenti di Quota 100 e Quota 102. Chi può beneficiare di questa opzione? Quali sono nel dettaglio i requisiti per poter accedere alla pensione anticipata agevolata?

Sono pochi i provvedimenti in merito alla flessibilità in uscita dal lavoro previsti dalla legge di Bilancio 2023 (legge n. 197 del 29 dicembre 2022): tra questi il più importante riguarda sicuramente la pensione anticipata agevolata cd. Quota 103.

“Erede” dei precedenti trattamenti previdenziali sperimentali Quota 100 e Quota 102, la pensione anticipata opzione Quota 103, introdotta dalla legge di Bilancio 2023 con l’aggiunta dell’art. 14.1 al D.L. n. 4/2019, si inserisce nello stesso filone delle prestazioni pensionistiche flessibili previgenti (art. 14, D.L. n. 4/2019, modif. dall’art. 1, co. 87, legge n. 234/2021).

Anche Quota 103, come Quota 100 e Quota 102, consiste, difatti, in una pensione anticipata con requisiti in deroga rispetto alle condizioni previste per i trattamenti ordinari della legge Fornero (art. 24, D.L. n. 201/2011: 67 anni di età e 20 anni di contribuzione per la pensione di vecchiaia, 42 anni e 10 mesi di contributi, un anno in meno per le donne, per la pensione anticipata).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pensioni quota 41quota 41 quandoriforma pensioni





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.