A- A+
Politica
Premierato, Meloni accelera: primo sì entro le Europee. Una bandierina per FdI

Premierato, la fretta di Meloni ha un motivo preciso: ottenere più voti alle Europee

Giorgia Meloni adesso accelera, vuole il primo sì delle Camere alla riforma sul premierato entro giugno. Non é una data casuale, coincide infatti con le elezioni Europee, per questo la presidente del Consiglio ha deciso di andare spedita su questa storica riforma. Meloni é convinta che le opposizioni non la aiuteranno e si prepara al referendum nel 2025. Ma per lei e per il suo partito - si legge su La Stampa - il primo sì in Parlamento rappresenterebbe una bandierina da sventolare in vista del voto per Bruxelles. La convinzione del governo è che i tempi dipenderanno dal clima tra i partiti della maggioranza e si cercherà di approfittare dell'accordo sulla manovra per procedere. La regola "zero emendamenti" imposta a fatica per l'approvazione della legge di bilancio non si può certo applicare per il premierato, ma l’accordo tacito è andare più veloce possibile per l'approvazione della prima lettura, aspettare il voto alle Europee per poi procedere con il resto del percorso fino al referendum o solo dopo aprire sul serio il vero problema: vale a dire definire la nuova legge elettorale.

Leggi anche: Milano, attraversa i binari ma cade e il treno lo travolge. Morto 32enne

Leggi anche: Migranti, la scrittrice Bruck: "No a chi odia Israele, grazie Meloni-Salvini"

Così, trovata a fatica una bozza che possa accontentare tutti, "il minimo comun denominatore" lo hanno definito in Forza Italia, ora la maggioranza - prosegue La Stampa - cerca di andare il più veloce possibile verso l’obiettivo. Il disegno di legge, almeno di novità dell’ultimo momento, dovrebbe cominciare il suo lungo percorso dalla Camera, anche perché il Senato è impegnato nell’esame dell’autonomia differenziata, che secondo quanto chiesto dalla Lega e ribadito sabato da Matteo Salvini, "deve andare di pari passo con il premierato". Un’impostazione che la premier dice di condividere. Inoltre, a Palazzo Madama c’è al momento un maggiore intasamento di decreti da approvare. Casellati tende poi a preferire Montecitorio, visto che la prima commissione (Affari costituzionali) è presieduta da un esponente di Forza Italia, Nazario Pagano e ben presidiata da un altro berlusconiano doc come Paolo Emilio Russo (capogruppo), che mette dei paletti: "Qualunque proposta è perfettibile e ogni contributo è benvenuto a patto che il confronto sia costruttivo e le proposte chiare, non tecniche dilatorie che hanno come unico scopo quello di far perdere tempo prezioso per il Paese".

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.